Salute

Influenza: da zenzero a geranio africano, il pronto intervento casalingo

Il fitoterapeuta Firenzuoli, miele e decotti utili a tenere sotto controllo sintomi

Roma, 6 feb. (AdnKronos Salute) - Zenzero, cannella, chiodi di garofani, limone e miele. Ma anche la più classica camomilla, purché preparata nel modo giusto. E una pianta più esotica, il geranio africano, considerata particolarmente efficace contro il raffreddore. Sono le 'armi' per combattere i sintomi dell'influenza in modo naturale, "con un pronto intervento immediato, grazie all'uso di spezie e ingredienti casalinghi, spesso presenti in dispensa", spiega all'Adnkronos Salute Fabio Firenzuoli, direttore del Centro di medicina integrativa dell'azienda ospedaliero universitaria Careggi di Firenze

In particolare "zenzero, cannella e chiodi di garofano - dice l'esperto - sono le tre spezie che rappresentano il primo rimedio domestico. La cura tampone da utilizzare subito in caso di influenza". Il rimedio si prepara "mettendo in una tazza d'acqua un pezzetto di cannella, qualche fettina di zenzero fresco, due chiodi di garofano. Si fa bollire il tutto per due minuti e si lascia riposare per mezz'ora. A questo punto si può bere addolcendo il tutto con un cucchiaino di miele, che ha anche blandi effetti antibiotici, e aggiungendo qualche goccia di limone". Di questa 'medicina' sono necessarie due o tre tazze al giorno. In questo modo "si hanno ottimi risultati per il controllo della febbre, dei dolori muscolari e del mal di stomaco", assicura Firenzuoli.

Utile anche lo sciroppo realizzato con miele (una tazza) e succo di zenzero (un cucchiaio) "un rimedio che ha un buon sapore e può essere apprezzato anche dai bambini" che possono così approfittare dei benefici di questa radice, dal sapore spesso sgradito ai più piccoli. Per il mal di stomaco, invece, niente è meglio della camomilla. "Ma va preparata nel modo giusto, come un decotto", aggiunge Firenzuoli che consiglia l'uso dei fiori più che delle bustine già pronte. "Si mette un cucchiaio colmo di fiori in una tazza di acqua fredda e si fa bollire 2 minuti. A questo punto si lascia 20 minuti a riposare. Il procedimento permette di estrarre dal fiore i polisaccaridi che hanno un effetto antinfiammatorio e protettivo della mucosa. Con l'infuso i polisaccaridi rimangono nella camomilla e non si sfruttano".

Per combattere il raffreddore, invece, il rimedio naturale consigliato dall'esperto è una pianta esotica: il geranio africano, nome scientifico Pelargonium sidoides, la pianta medicinale più studiata al mondo nelle malattie da raffreddamento. "E' molto simile ai nostri gerani e si usa la radice. Oggi è disponibile in tutta Europa in forma di farmaco da banco registrato, in gocce e in compresse. E' un rimedio naturale ma il fatto che sia anche un medicinale registrato ha il vantaggio di essere sottoposto a tutti i controlli dei farmaci.

E questa è un'ulteriore sicurezza".

Per quanto riguarda invece la tosse, il sintomo più fastidioso e prolungato nel tempo, secondo i medici di famiglia, "un rimedio semplice ed efficace è rappresentato dai fumenti. Si possono realizzare facilmente mettendo in infusione fiori di lavanda, foglie di eucalipto e di timo. Il paziente ne respira i fumi che danno sollievo. Quando non è sufficiente si utilizza l'olio essenziale di eucalipto, ma, in questo caso, si tratta di un prodotto che va prescritto dal medico. Ad alte dosi, infatti, l'olio essenziale può irritare la gola e lo stomaco. Dunque meglio usarlo secondo le indicazione medico, in particolare se si utilizzano in contemporanea farmaci per il sistema cardiovascolare", conclude Firenzuoli ricordando che piante ed erbe sono efficaci "e proprio per questo vanno usate sempre con le giuste cautele evitando di improvvisarsi erboristi".

6 febbraio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us