Salute

Influenza aviaria: la paura vola verso sud

Gli scienziati temono che la prossima fermata del virus N5H1, responsabile dell'influenza aviaria, sia l'Africa. Dove le conseguenze possono essere moltio più disastrose che nel Sud-est asiatico.

Influenza aviaria: la paura vola verso sud
Gli scienziati temono che la prossima fermata del virus N5H1, responsabile dell'influenza aviaria, sia l'Africa. Dove le conseguenze possono essere moltio più disastrose che nel Sud-est asiatico.

Le rotte migratorie dalla marzaiola, una specie ad alto rischio di diffusione del virus H5N1 portano direttamente in Africa. Ingrandisci l'immagine.
Le rotte migratorie dalla marzaiola, una specie ad alto rischio di diffusione del virus H5N1 portano direttamente in Africa. Ingrandisci l'immagine.

Russia, poi Macedonia, Turchia, Grecia, Croazia, Germania, Gran Bretagna. Sulle ali degli uccelli migratori l'influenza aviaria sta ormai arrivando in tutta Europa. Ma gli esperti non temono tanto questo. Il vero pericolo sono gli uccelli migratori che ora puntano sull'Africa.
La nuova paura è che l'H5N1, il virus dell'influenza più pericoloso tra quelli che colpiscono gli uccelli, arrivi nell'Africa orientale e settentrionale.
Paesi deboli. Perché mentre le nazioni europee sono in grado di organizzare misure pubbliche aggressive per contenere i focolai eliminando gli animali infetti, imponendo drastiche quarantene, i paesi africani sono completamente impreparati: mancano non solo del denaro sufficiente, ma pure delle infrastrutture sanitarie per fronteggiare l'infezione e per paesi più poveri i polli di famiglia non sono solo prodotti commerciali, ma più spesso fonte cruciale di cibo. E infine la coabitazione fra polli ed esseri umani facilita il passaggio del virus all'uomo aumentando le probabilità che possa adattarsi e diventare facilmente pandemico.
Amelia Beltramini

(Notizia aggiornata al 27 ottobre 2005)

Vai allo speciale Focus Influenza

27 ottobre 2005
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us