Salute

Chi è più a rischio di sviluppare dipendenza da cannabis? Lo svela una ricerca genetica

Uno studio di genetica ha permesso di trovare alcune regioni del DNA associate alla dipendenza cannabis ma anche a condizioni come la schizofrenia.

Chi fa uso di cannabis ha circa il 10% di probabilità di sviluppare dipendenza da questa sostanza, un rischio ancora più concreto se l'utilizzo di marijuana è cominciato in adolescenza (dati CDC USA). Ma tra i fattori che contribuiscono all'incapacità di smettere di assumere cannabis c'è anche una componente genetica.
Uno studio che ha analizzato più di un milione di genomi ha ora individuato alcune porzioni di DNA che parrebbero associate alla dipendenza da cannabis, e che allo stesso tempo sono legate a patologie, come alcune forme di cancro e la schizofrenia. La ricerca, pubblicata su Nature Genetics, potrebbe avere importanti implicazioni per la salute pubblica.

Più aspetti in gioco. Alcune ricerche in passato avevano già rilevato un collegamento tra un consumo problematico di cannabis e alcune forme di cancro e di disturbi psichiatrici. Allo stesso tempo è noto che la genetica gioca un ruolo importante nel predisporre a un uso eccessivo di marijuana, ma isolare questo aspetto dai fattori ambientali, e capire quanto "peso" abbia ciascuna parte, non è per niente facile.
Un team di ricerca guidato da Daniel Levey, neuroscienziato dell'Università di Yale di New Haven, Connecticut, ha analizzato i dati genetici presi da preesistenti database, soprattutto lo statunitense Million Veteran Program, per mettere meglio a fuoco la componente genetica dell'abuso di cannabis.

cannabis e schizofrenia. Oltre a individuare le regioni di genoma coinvolte, lo studio ha trovato un collegamento genetico bidirezionale tra l'uso eccessivo di cannabis e la schizofrenia: significa che le due condizioni sembrano influenzarsi a vicenda. Non è una novità ma una conferma del fatto che l'uso di cannabis è «il fattore di rischio più prevenibile della schizofrenia», ha spiegato a Nature la psichiatra Marta Di Forti del King's College London.

Prevenzione. La scoperta potrà essere usata per individuare le persone più a rischio di sviluppare schizofrenia tra i consumatori di cannabis, e per capire quali sono i fattori di rischio per la salute dell'utilizzo di cannabis o di alcune sue componenti, come il THC (tetraidrocannabinolo).

2 dicembre 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us