Salute

Sorpresa: siamo molto più grassi degli elefanti

Se usate spesso gli elefanti come termine di paragone riferito a un peso eccessivo è ora di ricredersi: l'uomo ha una percentuale di grasso maggiore.

"Grasso come un elefante" non è solo un epiteto offensivo: è anche scientificamente inaccurato. L'essere umano medio ha una quantità di massa grassa generalmente superiore a quella dei pachidermi. Lo afferma uno studio pubblicato sul Journal of Experimental Biology, che ha effettuato una misurazione più precisa del tessuto adiposo degli elefanti tenuti in cattività.

Intento di conservazione. Il lavoro non è stato condotto per velleità squisitamente estetiche, ma è servito piuttosto a valutare le condizioni di salute degli elefanti che vivono a contatto con l'uomo. Per alcuni scienziati, questi animali rischiano di essere sovralimentati, di muoversi troppo poco e riportare conseguenze sulla salute, come problemi al cuore e alle articolazioni, diabete o difficoltà riproduttive. Queste condizioni potrebbero influire negativamente sul futuro delle specie più a rischio.

Il gruppo di lavoro che ha coinvolto gli scienziati dello Smithsonian Conservation Biology Institute (USA) ha cercato di quantificare per la prima volta in modo preciso la componente grassa del corpo degli elefanti. In passato, le stime sulla percentuale di tessuto adiposo di questi mammiferi si basavano per lo più su valutazioni visive. Gli scienziati si sono procurati pane imbevuto di acqua pesante (cioè arricchita con alte percentuali di un isotopo dell'idrogeno, il deuterio), che permette di misurare la quantità d'acqua totale nel corpo degli animali. Scorporando questo valore dalla massa corporea si riesce a calcolare la percentuale di grasso.

contapassi. Lo spuntino è stato dato a 44 elefanti asiatici (Elephas maximus) ospiti di zoo del Nord America, ai quali è stata anche monitorata la salute metabolica. Gli scienziati hanno valutato i livelli di glucosio, insulina e di alcuni ormoni importanti per la salute riproduttiva, ma hanno anche sistemato alcuni accelerometri alle zampe degli animali per contare i loro passi.

Dai risultati è emerso che, fortunatamente, alcuni dei timori per la salute degli elefanti in cattività erano malriposti. In media, il grasso corporeo degli elefanti si attesta tra il 2% e il 25% (nelle persone sane è tra il 6% e il 31%). Gli elefanti maschi erano generalmente un po' più snelli, con una percentuale di grasso su massa corporea dell'8,5%, contro il 10% delle femmine. Per fare un ingeneroso confronto, la percentuale di grasso di un americano medio è del 28% negli uomini e del 40% nelle donne. Gli elefanti femmina con problemi di infertilità erano generalmente sottopeso, una condizione che - così come avviene per le donne - può influire sul loro ciclo mestruale.

Rischio diabete. Quanto all'attività fisica, gli elefanti in cattività camminano quanto i loro simili in natura, macinando dagli 0,03 ai 2,8 km all'ora, anche se in contesti meno ameni. La quantità di grasso corporeo è negli elefanti correlata ai livelli di insulina: il grasso in eccesso potrebbe favorire anche in questi animali disturbi metabolici, con una condizione simile al diabete. Resta da stabilire che cosa si intenda per grasso in eccesso, nel caso degli elefanti.

5 febbraio 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us