Salute

In Italia 56 bebè non riconosciuti dalla mamma in 1 anno

Risultati indagine effettuata in 100 centri nascita da luglio 2013 a giugno 2014

Roma, 9 lug. (AdnKronos Salute) - Sono stati 56 i neonati non riconosciuti dalla mamma in Italia, su un totale di 80.060 bambini nati tra luglio 2013 e giugno 2014. I risultati sono frutto di un'indagine condotta su un campione nazionale di 100 Centri nascita ed effettuata dalla Società italiana di neonatologia (Sin) in collaborazione con 'Ninna ho', progetto a tutela dell'infanzia abbandonata promosso da Fondazione Francesca Rava Nph Italia Onlus e dal Network Kpmg in Italia.

Nel 62,5% dei casi - rivela l'indagine effettuata sulla base di un questionario composto da 22 domande suddivise in tre specifiche sezioni e somministrato via mail ai Centri nascita associati Sin, presentata oggi a Roma al ministero della Salute - si tratta di neonati non riconosciuti da madri straniere e nel 37,5% da mamme italiane. Le madri che scelgono di non riconoscere i loro bambini nel 48,2% dei casi hanno un'età compresa tra i 18 e i 30 anni.

"Settanta gli ospedali che hanno partecipato alla ricerca - ha spiegato all'Adnkronos Salute Giovanni Rebay, partner Kpmg - di cui 38 al Nord, 19 al Centro e 13 al Sud e Isole. La maggior parte dei bambini non riconosciuti sono nati in Italia centrale e settentrionale con rispettivamente 26 e 25 casi. Segue il Sud Italia con soli 5 parti anonimi. Questi bambini sono nati grazie alla legge che consente di dare alla luce il proprio figlio in anonimato, e sono stati poi adottati nel giro di pochi giorni. Una adozione 'ideale', per così dire, dato che i bebè in questo modo non subiscono traumi. Il nostro obiettivo è di azzerare il numero di abbandoni nelle cosiddette 'ruote', e di consentire a sempre più donne in difficoltà di essere seguite nel corso della gravidanza e di partorire poi in anonimato, affidando il loro bimbo all'ospedale".

"L'indagine rappresenta una fase importante del nostro progetto, nato nel 2008 per contrastare l'abbandono neonatale in Italia - ha aggiunto Mariavittoria Rava, presidente della Fondazione Francesca Rava - da anni siamo impegnati con 'Ninna ho' ad aiutare le donne in difficoltà e i loro bambini attraverso l'informazione sulla possibilità consentita dalla legge di partorire in anonimato e mediante l'installazione di culle termiche salvavita presso un network di ospedali dislocati in tutta Italia. Con questa indagine volevamo raccogliere dati quantitativi e qualitativi sulle situazioni dei bambini non riconosciuti alla nascita al fine di individuare, insieme alla Sin e alle istituzioni, nuovi strumenti e metodi più efficaci per prevenire gli abbandoni in condizioni di rischio".

Il fenomeno del 'non riconoscimento materno' riguarda appunto in maggioranza donne di origine straniera così divise tra i casi rilevati: 20 provengono dall'Est Europa, 5 dall'Africa; 4 dal continente asiatico, 3 dall'America, 2 dal Centro Europa.

La maggioranza delle mamme che scelgono di non riconoscere i loro bambini, pur avendo fissa dimora, ha partorito in una città diversa dalla propria residenza (ben l'84%). Il 48,2% non è sposata e solo il 12,5% ha un lavoro. Per quanto riguarda il livello di istruzione, il 32,2% delle madri ha una scolarità medio-bassa (licenza elementare o di scuola media inferiore), il 19,6% ha un diploma di scuola media superiore, mentre l'1,8% è laureata.

Al momento del parto, la maggioranza delle donne è arrivata sola in ospedale (34%); solo l'8,9% è stata accompagnata dal partner e il 14,4% da un parente. Durante la gravidanza, il 32% delle donne non si è affidata a nessun servizio di sostegno. Per quanto riguarda i motivi dell'abbandono, al primo posto troviamo il disagio psichico e sociale (37,5%), seguito dalla paura di perdere il lavoro o più in generale dai problemi economici (19,6%). La paura di essere espulse o di dover crescere un figlio da sole in un Paese straniero è un motivo scatenante per il 12,5% delle donne immigrate; segue la coercizione per il 7%; la giovane età (5,4%); la solitudine (5,4%) e la violenza (1,8%).

L'ultima parte del questionario mira a individuare gli strumenti e i metodi ritenuti dai neonatologi più efficaci per prevenire gli abbandoni in condizioni di rischio. Al primo posto troviamo la necessità di assicurare sostegno e assistenza alle donne in difficoltà rafforzando le politiche per la famiglia e per l'infanzia; favorendo una maggiore integrazione e collaborazione tra attività ospedaliera e territoriale; assicurando una migliore presa in carico della madre e del bambino da parte di Consultori e Servizi sociali.

Al secondo posto troviamo la necessità di informare e sensibilizzare le madri in difficoltà sulla possibilità consentita dalla legge di partorire in anonimato e non riconoscere il neonato; sull'esistenza di enti concreti e strutture affidabili da cui poter ricevere assistenza, aiuto psicologico e sostegno da un punto di vista materiale. Infine altro punto importante è secondo i neonatologi l'ascolto inteso come empatia, assenza totale di giudizio, comprensione, disponibilità al sostegno e all'aiuto, così da creare un clima di fiducia che consenta alle donne di aprirsi e affrontare il disagio legato alla difficoltà della condizione che stanno vivendo.

"Abbiamo partecipato con entusiasmo e forte coinvolgimento al progetto 'Ninna ho' - afferma Costantino Romagnoli, presidente Sin - perché siamo coscienti del problema che esiste in Italia e che è sicuramente più ampio di ciò che emerge dai fatti di cronaca. Agevolare e incrementare l'informazione per arrivare direttamente a queste donne in difficoltà attraverso ambulatori, centri di assistenza sociale, consultori e parrocchie è secondo noi la strada da percorrere per il futuro".

9 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us