Salute

Impianti ortopedici migliori grazie ai canguri

Un team australiano ha studiato la cartilagine dei marsupiali per capire come riuscire a sviluppare protesi sempre più efficaci contro l'artrosi.

L'artrosi colpisce circa il 50% delle persone che hanno superato i 60 anni, ma anche sportivi e vittime di incidenti. È un disturbo progressivo e doloroso, caratterizzato dal lento consumo del tessuto cartilagineo presente sulle superfici articolari e che nei casi più gravi richiede l'inserimento di protesi mediante trattamento chirurgico.

Alla Queensland University of Technology di Brisbane, in Australia, hanno cercato di capire quale sia la chiave per sviluppare impianti ortopedici sempre più durevoli e funzionali. Lo hanno fatto con un approccio originale: studiando come risponde agli stress meccanici la cartilagine della spalla dei canguri.

Perché il canguro. Secondo i ricercatori australiani, è un modello animale molto valido, in quanto bipede e dotato di una stazza simile all'uomo. Il marsupiale, inoltre, possiede arti superiori piccoli ma robusti, che nel muoversi sollecitano fortemente l'articolazione della spalla (ad esempio quando l'animale sferra i suoi micidiali pugni).

Il test. Dopo una serie di prove di compressione, prima sulla sola cartilagine, poi su campioni di cartilagine con l'aggiunta degli enzimi capaci di degradare i proteoglicani o le fibre di collagene, le due componenti basilari della matrice cartilaginea, gli scienziati hanno constatato che nella spalla la rete di collagene ha un ruolo dominante nell'assorbimento di traumi e stress.

La novità. Il coordinatore della ricerca - Yuantong Gu - ha spiegato che finora quasi tutti gli studi si erano concentrati sull'articolazione del ginocchio, evidenziando la centralità dei proteoglicani nella resistenza agli shock. I nuovi risultati rivelano però che spalla e ginocchio non si comportano nello stesso modo, il che suggerisce la necessità di costruire protesi diverse e specializzate a seconda dell'articolazione coinvolta.

Chiarire nei dettagli le proprietà biomeccaniche delle cartilagini naturali, spiega inoltre Gu, rappresenta un passaggio obbligato per creare materiali che sappiano mimare la solidità, la flessibilità e la capacità di deformarsi dei tessuti naturali.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Applied Physics Letter.

8 settembre 2015 Davide Decaroli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us