Salute

Impianti ortopedici migliori grazie ai canguri

Un team australiano ha studiato la cartilagine dei marsupiali per capire come riuscire a sviluppare protesi sempre più efficaci contro l'artrosi.

L'artrosi colpisce circa il 50% delle persone che hanno superato i 60 anni, ma anche sportivi e vittime di incidenti. È un disturbo progressivo e doloroso, caratterizzato dal lento consumo del tessuto cartilagineo presente sulle superfici articolari e che nei casi più gravi richiede l'inserimento di protesi mediante trattamento chirurgico.

Alla Queensland University of Technology di Brisbane, in Australia, hanno cercato di capire quale sia la chiave per sviluppare impianti ortopedici sempre più durevoli e funzionali. Lo hanno fatto con un approccio originale: studiando come risponde agli stress meccanici la cartilagine della spalla dei canguri.

Perché il canguro. Secondo i ricercatori australiani, è un modello animale molto valido, in quanto bipede e dotato di una stazza simile all'uomo. Il marsupiale, inoltre, possiede arti superiori piccoli ma robusti, che nel muoversi sollecitano fortemente l'articolazione della spalla (ad esempio quando l'animale sferra i suoi micidiali pugni).

Il test. Dopo una serie di prove di compressione, prima sulla sola cartilagine, poi su campioni di cartilagine con l'aggiunta degli enzimi capaci di degradare i proteoglicani o le fibre di collagene, le due componenti basilari della matrice cartilaginea, gli scienziati hanno constatato che nella spalla la rete di collagene ha un ruolo dominante nell'assorbimento di traumi e stress.

La novità. Il coordinatore della ricerca - Yuantong Gu - ha spiegato che finora quasi tutti gli studi si erano concentrati sull'articolazione del ginocchio, evidenziando la centralità dei proteoglicani nella resistenza agli shock. I nuovi risultati rivelano però che spalla e ginocchio non si comportano nello stesso modo, il che suggerisce la necessità di costruire protesi diverse e specializzate a seconda dell'articolazione coinvolta.

Chiarire nei dettagli le proprietà biomeccaniche delle cartilagini naturali, spiega inoltre Gu, rappresenta un passaggio obbligato per creare materiali che sappiano mimare la solidità, la flessibilità e la capacità di deformarsi dei tessuti naturali.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Applied Physics Letter.

8 settembre 2015 Davide Decaroli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us