Salute

Cuore: impiantata la prima protesi mitralica senza incisione chirurgica

Per la prima volta in Europa, all'Humanitas di Rozzano, è stata impiantata nel cuore una nuova protesi mitralica percutanea.

Per la prima volta in Europa è stata impiantata nel cuore una protesi mitralica percutanea. L'intervento, effettuato per via transfemorale, è stato eseguito dall'équipe di Cardiologia interventistica dell'IRCCS Istituto Clinico Humanitas di Rozzano, in collaborazione con un team internazionale israeliano-americano, nel contesto di uno studio che coinvolge Mayo Clinic e Ohio Health negli Stati Uniti.

Si tratta di un decisivo passo avanti per il trattamento dell'insufficienza valvolare mitralica: una metodica mininvasiva che offre nuove possibilità di cura per i pazienti non idonei alla riparazione percutanea e chirurgica convenzionale.

Valvola mitrale e insufficienza mitralica

La mitrale è la valvola posta tra l'atrio sinistro e il ventricolo sinistro del cuore e regola il passaggio del sangue ossigenato proveniente dai polmoni. Si ha insufficienza mitralica quando un difetto di chiusura della valvola fa sì che parte del sangue refluisca nell'atrio anziché andare in aorta. Provoca sintomi quali dispnea (mancanza del respiro), gonfiori e affaticamento. L'incidenza nella popolazione italiana è di circa l'1.7% e aumenta nelle persone anziane.

L'intervento dura tre ore circa e si svolge in sala di emodinamica in anestesia totale. Il paziente resta poi in Terapia Intensiva per 24 ore, sveglio, per il monitoraggio. Le dimissioni avvengono dopo circa tre giorni e sono previsti controlli a 1, 3, 6 mesi dopo l'intervento. «Da subito è stato riscontrato un miglioramento della funzionalità cardiaca dei pazienti confermato al follow-up a distanza di tre mesi. Lo studio andrà avanti con l'obiettivo di rendere questa tecnica disponibile a quelle persone che, per le condizioni del loro cuore, non possono sostenere altri tipi di interventi», spiega Bernhard Reimers, responsabile della Cardiologia Clinica, Interventistica e UCC in Humanitas.

Riduzione dei rischi. Infatti, la valvola mitrale può essere riparata o sostituita chirurgicamente, ma nei pazienti ad alto rischio sono state sviluppate delle tecniche mininvasive che permettono la riparazione, qualora la valvola abbia un'anatomia non complessa, o la sostituzione, nel caso in cui la valvola sia molto compromessa. Le valvole che attualmente sono disponibili per sostituzione percutanea richiedono tuttavia un'incisione all'apice del cuore.

«Questa procedura può comportare dei rischi, e la valvola può creare un'ostruzione dinamica all'uscita del sangue dal cuore, motivo per cui circa il 70% dei candidati all'impianto di valvole transapicali viene poi valutato non idoneo – spiega Antonio Mangieri, cardiologo interventista di Humanitas -. Con la nuova protesi mitralica percutanea, invece, si minimizza il rischio di ostruzione del ventricolo e si riducono i tempi chirurgici e del recupero post-operatorio dal momento che la procedura viene eseguita attraverso un'incisione di solo un centimetro all'altezza dell'inguine che consente al paziente una mobilizzazione precoce rispetto ad un taglio all'apice del cuore».

12 luglio 2023 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us