Salute

Il ruolo degli autoanticorpi nell’infezione da covid

Gli autoanticorpi che bloccano le proteine responsabili di combattere i virus facilitano la diffusione del coronavirus, e favoriscono lo sviluppo della covid in forma grave.

Da mesi si discute del ruolo degli autoanticorpi, anticorpi che contrastano gli elementi del sistema immunitario, nell'infezione da covid. Uno studio pubblicato su Science Immunology conferma quanto si sospettava da tempo, e cioè che gli autoanticorpi favorirebbero lo sviluppo della covid in forma grave e mortale. Queste proteine autosabotanti, presenti in piccola parte anche in soggetti sani e non contagiati, aumentano con l'avanzare dell'età, e questo spiegherebbe il perché la covid colpisce più duramente gli anziani.

Autosabotaggio. Secondo quanto rilevato da uno studio pubblicato su Science lo scorso ottobre, circa il 10% delle persone che aveva contratto la covid in forma grave era in possesso di anticorpi che attaccavano e bloccavano gli interferoni di tipo 1, proteine prodotte dalle cellule per difendersi dall'invasione di patogeni esterni, come appunto il virus della covid. Il nuovo studio ha coinvolto oltre 3.500 pazienti ricoverati in terapia intensiva provenienti da 38 Paesi, rilevando che, in media, il 13,6% aveva autoanticorpi, con una percentuale più bassa negli under 40 (9,6%) e più alta negli over 80 (21%). Tra i deceduti, il 18% aveva autoanticorpi.

Questione di età. Per saperne di più, gli studiosi hanno quindi analizzato quasi 35.000 campioni sanguigni di persone sane, raccolti prima dell'inizio della pandemia: lo 0,18% degli individui tra i 18 e il 69 aveva autoanticorpi che bloccavano il funzionamento dell'interferone di tipo 1, e questa percentuale saliva a 1,1% nelle persone tra i 70 e i 79 anni, e al 3,4% negli over 80. «Questi dati spiegano in gran parte il perché gli anziani sono più a rischio di contrarre la covid in forma grave», spiega Jean-Laurent Casanova, coordinatore dello studio. Quanto scoperto ha chiare implicazioni cliniche: potrebbe aiutare a identificare persone a rischio di sviluppare l'infezione in forma grave, e fornire ai medici un aiuto per scegliere le cure più appropriate per ogni paziente.

16 settembre 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us