Salute

Il pioniere dell'intervento in Italia, +10% all'anno Dal bikini alla palestra all'amore, tutto diventa off limits se la forma è 'anomala'

Esperto Gb, +80% richieste in un anno ma alla base c'è un disagio reale, vanità e pornografia non c'entrano

Milano, 30 gen. (AdnKronos Salute) - Ragazze o signore come tutte le altre, che spesso già da bambine, intorno agli 11-12 anni, vivono con profondo disagio una forma particolare o dimensioni anomale delle proprie parti intime. Un complesso che le spinge a rinunciare a una vita sociale normale, a indossare un costume, a fare sport e persino all'amore. "Con il ritocco ai genitali femminili la vanità, la pressione maschile o l'effetto della pornografia non c'entrano", assicura Miles Berry, consulente in chirurgia plastica e chirurgo estetico al Weymouth Street Hospital di Londra, che nella sua clinica ha eseguito 49 operazioni di 'sex design' in rosa nel 2014, contro le 27 del 2013: +80% in un anno.

Un trend in linea con alcuni dati del National Health Service britannico, che nell'ottobre scorso hanno fatto molto discutere i media Gb: dal 2001 al 2010 gli interventi eseguiti nelle strutture del servizio pubblico inglese sono quintuplicati. In un articolo pubblicato sul 'Daily Mail', Berry analizza le ragioni che stanno dietro a questi numeri e ci tiene a "sfatare il mito" che etichetta chi si rivolge al chirurgo come donne ossessionate dalla vanità, dall'influenza degli stereotipi maschili o dall'immagine veicolata dal business del porno. "Non è proprio così", spiega l'esperto raccontando diversi casi giunti alla sua attenzione. Nella stragrande maggioranza delle richieste, testimonia, entrano in gioco motivi funzionali o una percezione che genera dolore e pesante stress psicologico. Motivi ai quali si aggiunge un'aumentata consapevolezza sulla disponibilità di nuove tecniche.

Le zone 'nel mirino' della chirurgia genitale femminile sono le piccole e le grandi labbra, normalmente di lunghezza rispettivamente pari a "1 e 5 cm circa", calcola Berry, e sulle quali è possibile intervenire tramite labioplastica con bisturi o laser. Se in alcune donne forma e dimensioni vengono alterate da parto, invecchiamento o fattori ormonali, in altre l'eccesso cutaneo è congenito. Ci sono bambine che nascono così, spiega ancora l'esperto, e che crescendo evitano di andare in palestra o in piscina, di cambiarsi in pubblico, di indossare gonne o pantaloncini corti, di mettersi un bikini, persino di avere rapporti sessuali. E non solo per pudore o vergogna, ma anche per disturbi fisici veri e propri, invalidanti nella vita quotidiana.

"Una delle mie pazienti faceva parte di una squadra ciclistica, ma per questo suo problema soffriva di gonfiori e irritazioni continui e ha dovuto abbandonare il team", riferisce ad esempio Berry. "Un'altra non poteva indossare jeans o in generale indumenti stretti", e "un'altra ancora usava dei tamponi per 'bloccare' il tessuto in eccesso che altrimenti le sarebbe uscito dalla biancheria intima".

In alcune donne, invece, il problema è di asimmetria fra le due metà del corpo: "Ho visto una signora con un labbro lungo 4 cm e l'altro 1,5. La cosa la infastidiva moltissimo". Lo specialista non concorda con una relazione presentata nel 2013 dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists, in cui i ginecologi inglesi sostenevano che le "immagini modificate" dei genitali femminili nel porno stanno cambiando nelle donne la percezione di ciò che è normale, provocando ansia sull'aspetto delle proprie parti intime. "A una paziente di 45 anni - dice Barry - ho provato a chiedere quanta pornografia guardasse. Lei mi ha chiesto se fossi matto".

E in Italia chi chiede il ritocco genitale 'in rosa'? Mamme messe a dura prova da più parti, ma anche 50enni che vogliono recuperare e vivere fino in fondo una nuova 'giovinezza intima', o 20enni determinate a correggere un difetto estetico che crea loro disagio nella vita amorosa o durante lo sport. Questo l'identikit della paziente-tipo disegnato da Alessandro Littara, pioniere del sex design nella Penisola, co-fondatore e responsabile del Centro di medicina sessuale di Milano. Un settore che non conosce crisi, ha spiegato l'esperto in un'intervista rilasciata all'Adnkronos Salute mentre le cronache britanniche iniziavano a puntare i riflettori sul fenomeno: "L'incremento di questi interventi - calcolava - è intorno al 10% all'anno".

Nella struttura di viale Vittorio Veneto, nel cuore della metropoli a pochi passi dai Giardini di via Palestro, si fanno ogni anno "circa 120 interventi chirurgici veri e propri, più altrettante prestazioni ambulatoriali che non richiedono sala operatoria: dall'acido ialuronico per l'amplificazione del punto G ad altre procedure". Molto rare in Italia sono invece le ricostruzioni dell'imene, chieste da giovani donne musulmane per motivi culturali (la necessità di simulare una verginità): "Ne avrò fatti in tutto 5 o 6, se non meno". I ritocchi intimi di tipo chirurgico più gettonati nel Belpaese sono la labioplastica per la riduzione delle piccole labbra, la liposuzione del monte di Venere o l'aumento delle grandi labbra per migliorarne l'estetica. In questi casi l'età tipica della donna è 20-35 anni, mentre fra le 50enni negli ultimi anni è in aumento la domanda di 'ringiovanimento intimo' con metodiche soft come iniezioni o lipofilling. La maggior parte delle richieste femminili arriva dal Centro-Nord. Mentre è più alta al Sud la corsa alla penoplastica, intervento al maschile di cui Littara fra i massimi esperti e fa scuola nel mondo.

30 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us