Salute

Il nostro cervello decide così

Quanto è faticoso, a volte, decidere cosa fare? Alcuni scienziati dell'Università di Toronto hanno scoperto il quartier generale delle nostre decisioni: è una piccola area del cervello finora sottovalutata. Che ha a che fare anche con la depressione.

Quale offerta di lavoro accettare? Che auto comprare? Come vestirsi? Decisioni più o meno importanti che siamo chiamati a prendere spesso, a volte ogni giorno, e che sono accomunate dalla necessità di mettere sul piatto costi e benefici per scegliere cosa conviene di più.

Ora un gruppo di scienziati dell'Università della British Columbia (Canada), in uno studio sui ratti pubblicato su Nature Neuroscience, ha scoperto che ad aiutarci a trovare la risposta è una piccola area del cervello che si chiama abenula laterale. Una delle regioni cerebrali più piccole, legata a depressione e comportamenti antisociali, e finora del tutto sottovalutata, che in realtà sembra funzionare come una sorta di “quartier generale” delle decisioni.

Speciale cervello

È un periodo di grande fermento nelle neuroscienze. Soltanto un mese fa una ricerca analoga ha scoperto i meccanismi cerebrali che ci fanno resistere alle tentazioni.

Domande, risposte, curiosità e ultime scoperte: tutto quello che vorresti sapere (e anche di più!) sul nostro organo pensante nello speciale ad esso dedicato.

Lo studio
«Le nostre osservazioni - spiega Stan Floresco, professore del Dipartimento di psicologia e Centro di ricerca sul cervello dell'ateneo canadese - chiariscono i processi cerebrali coinvolti in importanti decisioni che ci tocca prendere ogni giorno. E ci dicono che la comunità scientifica ha frainteso la vera funzione di questa misteriosa, ma cruciale, regione del cervello».

Guardarla sotto una nuova luce aiuterà i ricercatori a orientarsi nei labirinti della mente e a sviluppare nuove cure per esempio contro la depressione.

Decisioni
Nello studio gli scienziati hanno addestrato ratti di laboratorio a scegliere tra un premio piccolo (una pallina di cibo) o uno potenzialmente più consistente (4 palline) che appariva ogni tanto. Esattamente come gli umani, anche i roditori tendevano a scegliere la ricompensa più grande quando il prezzo da pagare – che nell'esperimento era il tempo che dovevano aspettare prima di ricevere il premio - era minore, mentre quando era maggiore preferivano accontentarsi della ricompensa più piccola.

Ma quando i ricercatori “spegnevano” l'attività dell'abenula laterale, i ratti perdevano la capacità di scegliere l'opzione più conveniente e cominciavano a prendere decisioni a caso.

Contro la depressione
La scoperta del ruolo dell'abenula laterale come “centrale” delle decisioni, secondo il team canadese ha importanti implicazioni nel trattamento della depressione. «La stimolazione cerebrale profonda, che si ritiene inattivi l'abenula laterale, è stata indicata come in grado di migliorare i sintomi della depressione nell'uomo. Ma le nostre osservazioni - conclude Floresco - suggeriscono che questi miglioramenti non avvengono perché i pazienti si sentono più felici. Semplicemente, la depressione migliora perché non riescono più a occuparsi di ciò che prima li rendeva depressi».

(Adnkronos Salute)

25 novembre 2013
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us