Salute

Il mal di schiena? Meno medicine, più meditazione

La lombalgia è una delle patologie più comuni. Ma per curare il mal di schiena il ricorso ai farmaci  dovrebbe essere solo l’ultima risorsa.

La lombalgia, il comune mal di schiena, non guarda in faccia a nessuno: l’80 per cento della popolazione ne soffrirà almeno una volta nella vita, non a caso è tra le prime cause mondiali di assenza dal lavoro. Secondo l’American College of Physicians (ACP), l’organizzazione statunitense dei medici di Medicina Interna, l’approccio alla cura di questo disturbo finora è stato sbagliato e deve cambiare.

Più meditazione, yoga e tai-chi. Come spiega Roger Chou, professore all’Oregon University che ha contribuito alle nuove linee guida dell’ACP, la lombalgia è determinata tanto da cause strutturali e anatomiche, quanto da fattori sociali, biologici e psicologici. Infatti chi soffre di depressione o è insoddisfatto col proprio lavoro tende ad avere maggiori dolori lombari.

Per questo motivo l’ACP consiglia di provare prima a curare il disturbo con massaggi e terapia termica. Quando è cronico, allora l’esercizio fisico, le terapie riabilitative e l’apprendimento di tecniche respiratorie che aiutano a ridurre lo stress possono essere cure molto efficaci. Spazio quindi alla meditazione, allo yoga e al tai-chi.

Medicine come ultima risorsa. Rispetto a quanto veniva suggerito finora, il ricorso ai farmaci dovrebbe avvenire solo se i trattamenti precedenti non hanno funzionato. Infatti l’assunzione regolare di ibuprofene può causare controindicazioni che superano i benefici. L’assunzione di oppioidi andrebbe invece prescritta solo come ultima risorsa.


Chou ammette però che nella cura del comune mal di schiena non esiste una pillola magica. Ma diventa sempre più chiaro che l’approccio farmacologico andrebbe circoscritto solo ai casi in cui è davvero necessario. Prima, meglio lavorare sul benessere fisico e psicologico del paziente.

20 febbraio 2017 Alessandro Pilo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us