Salute

Il long covid nei giovani è estremamente frequente

La metà dei giovani fino a 30 anni, guariti da infezioni lievi da SARS-CoV-2, riporta i sintomi del long covid dopo sei mesi dalla fase acuta.

Gli strascichi a lungo termine della CoViD-19 sono molto frequenti nelle persone che hanno contratto l'infezione in forma lieve o moderata e si sono curate a casa. Secondo uno studio pubblicato su Nature Medicine e condotto a Bergen, in Norvegia, più della metà dei giovani adulti fino ai 30 anni di età reduci dalla malattia mostra sintomi di long covid a sei mesi dalla fase acuta. Perdita di olfatto e gusto, affaticamento, respiro affannoso, difficoltà di concentrazione e di memoria sono i disturbi più comuni.

Disturbi cognitivi nei giovani. Gli scienziati del Bergen COVID-19 Research hanno seguito per sei mesi 312 pazienti che avevano contratto la covid durante la prima ondata pandemica. Di questi, 247 si erano curati a casa da forme lievi o moderate e altri 65 erano stati ricoverati. Dopo sei mesi, il 61% degli ex malati mostrava sintomi persistenti dell'infezione riconducibili a long covid. Ma l'aspetto forse più preoccupante è che nel gruppo di pazienti tra i 16 e i 30 anni, il 52%, più della metà, riferiva ancora disturbi dopo sei mesi dalla fase acuta. I più frequenti erano perdita di gusto e/o olfatto (nel 28% degli intervistati), affaticamento (21%), fame d'aria (13%), scarsa capacità di concentrazione (13%) e cattiva memoria (11%).

Questi ultimi due sintomi cognitivi preoccupano, in una popolazione così giovane e nel pieno della sua formazione scolastica e accademica, e confermano la necessità di vaccinare anche i giovani adulti: non è solo la covid in forma grave, la minaccia da combattere, ma anche l'eventualità di contrarre una malattia debilitante per lungo tempo.

C'entrano gli anticorpi? Sotto i 16 anni i sintomi a lungo termine sono invece risultati molto rari, nel campione studiato. Gli scienziati hanno trovato una forte correlazione tra alti livelli di anticorpi sviluppati contro il SARS-CoV-2 e i sintomi a lungo termine nei pazienti con forme lievi di covid; altri fattori di rischio di long covid sono l'asma e altre malattie polmonari croniche.

«L'associazione tra il numero di sintomi e la risposta anticorpale rinforza l'idea che dietro a tutto ciò vi sia un meccanismo immunitario», chiarisce David Strain, docente dell'Università di Exeter e parte della task force per il long covid del Servizio sanitario nazionale britannico. «Questo sarebbe compatibile con il fatto che i vaccini stanno facendo sentire meglio una significativa porzione di persone con long covid, e dà a tutti, inclusi i meno fortunati, la speranza che trattamenti con farmaci immuno-modulanti, che agiscono sul sistema immunitario, possano essere presto all'orizzonte, per aiutare chi è ancora debilitato dopo mesi o un anno».

Più del previsto. Una recente ricerca di Imperial College London stima che 2 milioni di persone soffrano di long covid nel Regno Unito, uno dei Paesi più colpiti dalla pandemia e che più di altri ne sta studiando i postumi. Quasi il 6% della popolazione adulta dell'Inghilterra ha avuto o ha tuttora il long covid, cioè ha accusato almeno un sintomo duraturo dopo l'infezione da SARS-CoV-2. Uscendo dall'emergenza, il danno inferto dalla covid si delineerà con maggiore chiarezza.

2 luglio 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us