Scienza

Il finto neo che compare in presenza di cancro

Un neo artificiale, impiantato sottopelle, potrebbe in futuro funzionare da efficace strumento per la prevenzione di alcuni tumori. Ecco come è nata l'idea.

Un neo artificiale da impiantare sotto pelle, composto da cellule geneticamente modificate, potrebbe un giorno funzionare come spia precoce di alcuni tumori. Il finto "marchio di bellezza" sviluppato dai ricercatori del Politecnico Federale di Zurigo (Svizzera) è programmato per scurirsi, e quindi diventare evidente, quando si verifica l'aumento dei livelli di calcio nel sangue, che è uno dei primi effetti provocati da quattro tra i più diffusi tipi di cancro (al seno, alla prostata, del colon e ai polmoni).

Quasi sempre, infatti, questo tipo di tumori rilascia sostanze che indeboliscono le ossa, disperdendo calcio: la sostanza è quindi una spia iniziale dello sviluppo della malattia anche quando questa non è ancora visibile dagli strumenti diagnostici.

In questo fotomontaggio, l'aspetto che avrebbe il neo artificiale scurito sulla pelle umana. Per ora le cellule geneticamente modificate sono state impiantate soltanto sulla pelle di topo e di maiale. © ETH Zurigh


Rilevatore sensibile. Il team di scienziati ha alterato geneticamente alcune cellule della pelle umana per produrre melanina in risposta all'incremento di calcio; poi le ha inserite in microscopiche capsule che ha impiantato sotto pelle in alcuni topi affetti da cancro al seno o al colon. Nell'arco di otto settimane, i nei sulla pelle di tutti gli otto topi i cui tumori rilasciavano calcio nel sangue si sono scuriti. Non è accaduto, invece, nei roditori che avevano altri tipi di cancro, che sono stati studiati come gruppo di controllo (l'esperimento è stato ripetuto anche sui maiali).

Almeno sui modelli animali, il falso neo si è dunque rivelato un efficace strumento di prevenzione: tuttavia, occorreranno almeno 10 anni di ricerca affinché si possa sperare di sfruttarlo sull'uomo. Se mai accadesse, è bene ricordare due cose: intanto, che vederlo scurire non implica necessariamente l'essere malati. Altre patologie, per esempio renali, comportano l'alterazione dei livelli di calcio. Inoltre, non durerebbe "per sempre" come un neo naturale, ma andrebbe sostituito una volta ogni sei mesi/un anno (che è il tempo di degradazione della capsula).

21 aprile 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

In viaggio con Dante Alighieri: per scoprire il “suo” Medioevo, seguirlo sulla via dell'esilio e capire i motivi che lo spinsero a scrivere la Divina Commedia, pietra miliare della lingua e della letteratura italiana. E ancora: i segreti di Madame Claude, la maitresse più famosa di Parigi che “inventò” le ragazze squillo; nella Napoli di Gioacchino Murat, il cognato coraggioso e spavaldo di Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Le nostre attività lasciano un’impronta sull’ambiente, ma dobbiamo vivere in un mondo più sostenibile. Come fare? Inoltre: Voyager 2, la navicella più longeva nella storia delle missioni spaziali; come funzionano i reparti di terapia intensiva dove si curano i malati della CoViD-19; cos'è davvero il letargo per gli animali.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us