Salute

Il fegato può crescere nei linfonodi? La nuova sfida di una startup

In una terapia per la prima volta testata sull'uomo si coltiva un fegato in miniatura nei linfonodi. Per ovviare alla carenza di organi da trapianto.

Usare i linfonodi di pazienti in vita come piccoli bioreattori, cioè ambienti nei quali coltivare altrettanti fegati in miniatura. Sembra fantascienza ma è l'obiettivo, molto concreto, della LyGenesis, azienda di biotecnologie della Pennsylvania che punta ad alleggerire le liste d'attesa per il trapianto di fegato con un trattamento rivoluzionario, ora per la prima volta testato sull'uomo. 

Poche cellule donate. La terapia è stata sviluppata un decennio fa e consiste nel prelevare un tipo di cellule del fegato (gli epatociti) da un donatore e iniettarle in alcuni linfonodi - piccoli organi a forma di fagiolo situati lungo le vie linfatiche - del paziente bisognoso di trapianto. I linfonodi sono "filtri biologici" in cui si organizza la risposta immunitaria dell'organismo contro i patogeni. Ognuno di noi ne ha circa 600: sono irrorati da piccoli vasi sanguigni e si trovano disseminati in punti strategici come ascelle, inguine, addome, collo.

L'ambiente adatto. Gli scienziati di LyGenesis hanno scoperto che all'interno dei linfonodi le cellule del fegato riescono a proliferare, a dividersi e a sviluppare vasi sanguigni propri. Il processo dura diversi mesi: con il passare del tempo, e mano a mano che gli epatociti si organizzano, il linfonodo scompare e al suo posto rimane un fegato in miniatura. L'idea è che i linfonodi, pieni di cellule immunitarie, offrano l'ambiente ideale per la sopravvivenza cellulare; e che, avendone in abbondanza, non è un problema se nel processo se ne perde qualcuno. 

Scoperta casuale. Questa possibilità è emersa quasi per caso, quando i ricercatori della compagnia statunitense hanno trapiantato senza risultati cellule di fegato sane nel fegato di topi con malattia epatica. Non avendo avuto successo, hanno provato a iniettare le cellule anche in altri punti del corpo dei topi, nella speranza che altrove potessero sopravvivere. La maggior parte dei roditori è morta, ma quelli che avevano ricevuto iniezioni di cellule epatiche nell'addome sono sopravvissuti. In seguito, le autopsie hanno mostrato che nei loro linfonodi addominali si erano formati dai 20 ai 30 mini-fegati.

I trial sull'uomo. In seguito, gli scienziati hanno iniettato le cellule di fegato direttamente nei linfonodi di topi, maiali e cani, trasformando i piccoli organi in fegati in miniatura funzionanti. Ora l'esperimento su una dozzina pazienti con malattia epatica all'ultimo stadio: il primo di loro è stato operato il 25 marzo 2024 con una procedura che ha implicato l'inserimento di un tubo attraverso la trachea per localizzare con gli ultrasuoni un linfonodo e iniettare in esso una piccola quantità di epatociti di un donatore.

L'intervento è andato bene, ma serviranno alcuni mesi per capire se gli epatociti si siano riorganizzati in un mini-organo funzionante. Per ora il paziente non ha mostrato segni di migliorata attività epatica.

Speranze e limiti. Se dovesse funzionare, la terapia avrebbe il potenziale (che per ora sembra utopico) di ridurre di molto le liste di attesa per un trapianto perché, spiega Michael Hufford, co-fondatore di LyGenesis, «un organo donato oggi cura un paziente. Usando questo approccio, con un organo si potrebbero curare 75 o più pazienti», a ciascuno dei quali andrebbe una piccola porzione di cellule epatiche.

Non è noto tuttavia quanti mini-organi e quante cellule servano per curare una persona con un fegato del tutto fuori uso, né quanto durino i nuovi fegati formati nei linfonodi. Se avessero una funzionalità temporanea, potrebbero comunque servire da "ponte" per guadagnare un po' di tempo, in attesa del trapianto vero e proprio.

12 aprile 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us