Salute

Anche il clima influenza la diffusione della covid

La correlazione tra i tempi di evaporazione delle goccioline respiratorie e la diffusione della CoViD-19: intervengono diversi fattori climatici.

Ormai lo sappiamo: quando parliamo di diffusione di SARS-CoV-2, il coronavirus che causa la CoViD-19, parliamo anche di goccioline (o droplets) respiratorie, veicoli di particelle infette. Quando le goccioline evaporano, il virus muore rapidamente, ed è per questo che è importante capire in quali condizioni le droplets tardano di più a sparire, e quando invece si seccano più rapidamente. Uno studio di fisica dei fluidi, condotto dall'American Institute of Physics e pubblicato su AIP Publishing, ha considerato sei diverse città del mondo (New York, Chicago, Los Angeles, Miami, Sidney e Singapore) e analizzato i tempi di evaporazione delle droplets, notando delle differenze.

Evaporazione e clima. Secondo i ricercatori i tempi di evaporazione delle goccioline, calcolati utilizzando un modello matematico, sarebbero influenzati dal clima, dal tipo di superficie sulla quale si appoggiano, e dall'umidità. Le alte temperature farebbero seccare le goccioline più in fretta, riducendo drasticamente le possibilità di sopravvivenza del virus. L'umidità, al contrario, allungherebbe i tempi di conservazione delle droplets, e di conseguenza anche la vita del virus. Inoltre, le goccioline impiegherebbero più tempo a seccarsi sulle superfici idrofobiche (impermeabili o impermeabilizzate), ed evaporebbero invece più in fretta su superfici idrofile, più permeabili all'acqua o che permettono l'adesione dei fluidi.

Tutto torna. Nelle città dove la pandemia ha colpito più duramente (come ad esempio New York), i tempi di evaporazione delle goccioline sono più alti; al contrario, in quelle meno colpite (come Chicago), le droplets si seccano più velocemente. «È probabile che non si tratti dell'unico fattore, ma senza dubbio il clima influenza il tasso di crescita del contagio», afferma Rajneesh Bhardwaj, uno degli autori.

14 giugno 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us