Salute

Il censimento delle proteine in una singola cellula

Sono 42 milioni le molecole proteiche presenti in una semplice cellula di lievito. Simili studi su cellule umane potrebbero far luce sull'origine di malattie legate alla loro abbondanza o scarsità.

In una cellula semplice come quella del lievito di birra ci sono 42 milioni di molecole proteiche: a compiere la prima stima affidabile del numero di proteine, divise per tipologia, all'interno dell'unità base dei viventi, è un gruppo di ricercatori canadesi, che per l'occasione ha passato in rassegna una ventina di studi sulla composizione cellulare di questo modello biologico.

Quella pubblicata sulla rivista Cell Systems potrebbe sembrare una semplice curiosità da scienziati, ma è più di questo. Le proteine sono l'attuazione delle istruzioni contenute nel codice genetico, costituiscono parte delle nostre cellule e compiono il grosso del loro lavoro. Simili tipologie di studi compiute su cellule umane potrebbero chiarire le cause di alcune malattie, legate a una quantità anomala di proteine (per eccesso o per difetto).

Nessuno standard. Finora i tentativi di censire il numero di proteine per cellula sono stati fatti soprattutto taggando le molecole proteiche con marcatori fluorescenti, e guardando quanto ogni cellula "brillasse". Tuttavia la differenza di strumentazione tra un laboratorio e l'altro portava a una certa imprecisione in fatto di misure, e le varie stime venivano riportate su scale diverse, incompatibili.

Modello di studio. Per orientarsi in questa confusione,un gruppo di biochimici dell'Università di Toronto ha considerato allora la cellula di lievito di birra (Saccharomyces cerevisiae), l'unico organismo per il quale esistano dati sufficienti a calcolare il numero di molecole per ciascuno dei 6.000 diversi tipi di proteine codificate dal genoma. Per le cellule umane, che in base alla tipologia contengono solo una piccola parte delle diverse proteine codificate dai 20 mila geni del nostro DNA, non esiste un database così completo.

Le proteine nelle cellule di lievito, taggate con diversi marcatori. © Brandon Ho

L'appello. Mettendo insieme questi dati in modo coerente, gli scienziati sono riusciti a stimare, per ogni cellula, il numero di macromolecole di ciascuna tipologia proteica. Il totale è di circa 42 milioni. La maggior parte delle proteine è rappresentata da un numero di molecole che va dalle 1.000 alle 10 mila. Alcune sono particolarmente "presenti", e raggiungono oltre mezzo milione di molecole, mentre altre non arrivano nemmeno alle 10 molecole.

Altri dati utili. Il team ha inoltre raccolto informazioni sui meccanismi attraverso i quali le cellule controllano l'abbondanza di proteine, e dimostrato che la "scorta" delle varie tipologie proteiche è legata al ruolo all'interno della cellula: contando il numero di proteine per tipo è in teoria possibile predire anche la loro funzione. Infine, lo studio ha provato che marcare le proteine per studiarne ruolo e distribuzione - una tecnica premiata con il Nobel per la Chimica nel 2008 - non ha effetti rilevanti sulla loro abbondanza, e quindi non falsa i dati.

20 gennaio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us