Salute

Il caso di una reinfezione da covid più grave della prima

A due mesi di distanza dalla prima infezione, una reinfezione in forma grave da SARS-CoV-2 conferma che sappiamo ancora poco sull'immunità alla CoViD-19.

Un venticinquenne del Nevada (USA), dopo aver contratto la covid a fine marzo ed essere risultato negativo al tampone durante tutto il mese di maggio, il 5 giugno è risultato nuovamente positivo, sviluppando sintomi più gravi della prima infezione e venendo ricoverato per difficoltà respiratorie. Il suo caso è stato analizzato in uno studio pubblicato su Lancet: se è vero che già in precedenza si era parlato di casi (reali o presunti) di reinfezione, questa è la prima volta in cui un paziente contrae una forma più grave della malattia dopo averla già avuta.

Ceppi diversi. Gli esperti escludono che si tratti della stessa infezione, rimasta dormiente e poi riemersa con il manifestare di nuovi sintomi. Analizzando il codice genetico dei due SARS-CoV-2, emerge una netta differenza tra quello che ha infettato il paziente a fine marzo e quello di inizio giugno. «Ciò che abbiamo scoperto dimostra che non è detto che una prima infezione protegga da infezioni future», afferma Mark Pandori, uno degli autori dello studio. «Per questo è importante che, una volta guariti, gli infetti continuino a rispettare le norme anti-covid».

Rarità. Finora le reinfezioni da covid sembrano essere rare, con solo alcuni casi su quasi 40 milioni di contagi confermati. Tuttavia è ancora presto per avere certezze su quanto diffusa sia la possibilità di venire contagiati nuovamente, anche se sembra probabile che l'immunità alla CoViD-19 duri solo qualche mese. Ciò che stupisce del caso del venticinquenne del Nevada è che la seconda reinfezione sia stata più grave della prima: il corpo, conoscendo già SARS-CoV-2, dovrebbe avere più forza per combatterlo una seconda volta.

Anticorpi problematici? Gli esperti hanno avanzato due ipotesi: la prima, che la seconda volta il paziente sia venuto in contatto con maggiori quantità di virus; la seconda, che, come è accaduto con malattie come la dengue, gli anticorpi sviluppati in risposta al ceppo di SARS-CoV-2 della prima infezione abbiano causato problemi con un altro ceppo di SARS-CoV-2, responsabile del secondo contagio. «È ancora presto per trarre conclusioni», afferma Paul Hunter (University of East Anglia), che non ha partecipato allo studio. «Quel che è certo è che questi risultati mostrano ancora una volta che sappiamo troppo poco sulla risposta immunitaria alla CoViD-19».

23 ottobre 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us