Salute

I traumi cerebrali dei calciatori sono sottovalutati

Secondo gli esperi della rivista Lancet, a bordo campo servirebbe un medico indipendente per valutare i colpi alla testa ricevuti dai giocatori.

Un editoriale pubblicato sulla prestigiosa rivista “Lancet Neurology” lancia l'allarme sul rischio dei traumi concussivi cerebrali dei calciatori e sul pericolo di una sottovalutazione di queste lesioni.

«Dopo un violento colpo alla testa, e la possibilità di un trauma cranico, la decisione di far tornare l'atleta in campo dovrebbe essere presa da un medico indipendente», affermano i ricercatori nell'editoriale.

Durante i Mondiali di calcio, chiusi ieri con la finale tra Germania e Argentina, ci sono stati diversi incidenti di questo tipo: il difensore dell'Uruguay Alberto Pereira, ad esempio, è svenuto dopo uno scontro di gioco ma poi è tornato in campo. Durante la finale Germania-Argentina il giocatore tedesco Christoph Kramer è uscito dal campo anche a causa di un violento scontro di gioco con relativo colpo alla testa.

La Federazione internazionale dei calciatori professionisti (FIFPro) ha chiesto da tempo un'indagine più accurata sui protocolli che riguardano proprio le concussioni. Un colpo diretto, un urto contro un altro corpo fermo o in movimento, oppure uno scossone subito a seguito di una spinta ricevuta o ancora una brusca decelerazione del capo (colpo di frusta), sono tutti eventi che, producendo improvvisi movimenti della testa, possono causare una concussione cerebrale.

«Mentre molte federazioni di altri sport riconoscono il danno potenziale che anche una lieve lesione traumatica può causare - precisano i ricercatori - nel calcio serve un maggiore impegno per ridurre la frequenza con cui si verificano questi traumi».

14 luglio 2014
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us