Salute

I casi di morbillo in Europa crescono in modo allarmante

Nel 2023, i casi europei di morbillo sono stati 30 volte superiori rispetto al 2022. L'OMS lancia l'allarme: vaccinarsi è fondamentale.

L'Europa è alle prese con un'ondata silenziosa di casi di morbillo. Tra gennaio e ottobre 2023, gli episodi di questa malattia infettiva riportati in 40 dei 53 Paesi della regione europea dell'OMS sono stati più di 30.000, una crescita di oltre 30 volte rispetto ai 941 casi del 2022. I contagi sono aumentati negli ultimi mesi, una tendenza che per l'Organizzazione mondiale della sanità è destinata a peggiorare e che è da collegare a un calo delle vaccinazioni in età pediatrica. 

Non un semplice esantema. Nel 2023, due casi su 5 di morbilllo hanno riguardato bambini dagli 1 ai 4 anni di età, e un caso su 5 adulti di 20 anni o più. Ma da gennaio a ottobre sono stati riportati anche 20.918 casi di ricoveri ospedalieri per le complicanze da morbillo, e 5 decessi collegati al morbillo in due Paesi.

Il morbillo è una malattia infettiva che provoca inizialmente sintomi da raffreddamento, seguiti da febbre e da un'eruzione cutanea, ma in alcuni casi (specialmente in neonati, persone malnutrite o immunocompromesse) può associarsi a super infezioni batteriche, con diarrea, polmoniti, otiti, encefaliti. In morbillo erode infatti la memoria immunitaria e lascia vulnerabili ad altri agenti infettivi. Anche se queste complicazioni sono relativamente rare, il morbillo è comunque responsabile di un numero di morti compreso tra le 30 e le 100 ogni 100.000 persone colpite [dati Epicentro-ISS].

Lo zampino della covid. Quasi un terzo dei casi denunciati dall'OMS si è verificato in Kazakistan, Paese ponte tra Europa e Asia ma incluso nella Regione Europea dell'organizzazione. Ciò è avvenuto soprattutto a causa di una netta riduzione delle vaccinazioni infantili tra il 2020 e il 2022. La pandemia di CoViD-19 ha avuto un impatto devastante sulla regolarità delle campagne vaccinali, e il risultato è stato l'aumento di bambini vaccinati a metà (sono necessari due vaccini per essere immunizzati dal morbillo) o non vaccinati. In tutto, 1,8 milioni di bambini in Europa avrebbero perso una o entrambe le vaccinazioni contro il morbillo tra il 2020 e il 2022.

Abilissimo a infettare. La ripresa degli spostamenti e dei viaggi internazionali ha portato a un nuovo aumento del rischio di trasmissione del virus del morbillo (del genere morbillivirus), che si propaga facilmente nelle comunità non vaccinate. L'infezione è tra le più contagiose: il virus può rimanere sospeso nell'aria fino a 2 ore e se una persona è infetta, il 90% di quelle che la circondano finirà per ammalarsi a sua volta.

Fare barriera insieme. Il vaccino esiste sotto forma di un complesso vaccinale contro il morbillo, la parotite e la rosolia (Mpr), con una dose da somministrare prima del 24esimo mese di vita, preferibilmente al 12esimo-15esimo mese, e un richiamo verso 5-6 anni o 11-12 anni.

Due dosi di vaccino offrono una protezione del 97% dal contagio, e una dose soltanto, già il 93%. Affinché la propagazione del virus del morbillo venga bloccata sul nascere, deve essere immunizzato almeno il 95% della popolazione: questa è la linea di demarcazione che non si deve superare per garantire l'immunità di gregge. In Europa, la percentuale di persone che ha ricevuto la prima dose del vaccino è calata dal 96% del 2019 al 93% del 2022.

28 gennaio 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us