Salute

I cani fiutano la covid?

Alcuni cani addestrati all'aeroporto di Helsinki sembrano riconoscere i casi di covid (anche asintomatici!) con una certa accuratezza. Come fanno?

I passeggeri dell'aeroporto di Helsinki (Finlandia) che vogliono sottoporsi ai controlli anti-covid hanno in questi giorni la possibilità di scegliere un test più piacevole del classico tampone, che vede protagonisti quattro cani e il loro fiuto sopraffino. I quadrupedi fanno parte di un programma pilota dell'Università di Helsinki per capire se i cani possano percepire all'olfatto un'infezione da coronavirus SARS-CoV-2 in corso, ed essere impiegati nelle attività di screening. Finora i risultati sono incoraggianti: secondo gli scienziati a capo della ricerca i cani potrebbero costituire un valido aiuto per test rapidi, efficaci e accurati.

questione di naso. Il test dura circa un minuto. Ai viaggiatori, viene chiesto di asciugarsi il sudore del collo con un'apposita salvietta, che viene poi riposta in una scatola e collocata dietro a una parete scura, insieme ad altre sostanze odorose usate come controllo. Qui inizia il lavoro dei cani: se il campione appartiene a un passeggero affetto da covid, Fido se ne accorge in una decina di secondi e si mette a guaire o a toccare con le zampe la parete. Se il "test" è negativo, l'animale non mostra alcuna reazione.

Nelle loro prime prove "sul campo", i cani hanno fiutato i casi positivi con un'accuratezza del 100%, anche quando asintomatici: sembrano infatti riconoscere la malattia in una fase ancora più precoce rispetto ai tamponi analizzati con la tecnica della PCR, e ci riescono a partire da un campione più piccolo (bastano 10-100 molecole contro le 18 milioni necessarie di solito).

Come fanno? L'olfatto canino che negli aeroporti viene già usato per sniffare la presenza di esplosivi, droghe e materiali di contrabbando viene anche impiegato con successo per individuare i casi di diabete, malaria e alcuni tipi di cancro. Durante la pandemia, agli scienziati che lavorano in questo campo è quindi venuto spontaneo provare ad addestrare i quadrupedi a riconoscere l'infezione da CoViD-19, abituando gli animali a fiutare sudore e urina dei pazienti contagiati e a ricevere un premio ad ogni individuazione corretta. Lo scorso luglio, un gruppo dell'Università di Medicina Veterinaria di Hannover (Germania) aveva scoperto che dopo un training di una settimana, i cani distinguono i campioni di saliva infettata da SARS-CoV-2 con un'accuratezza del 94%.

La covid ha un odore specifico? È chiaro insomma che i cani fiutano qualcosa. Che cosa, esattamente, non si è ancora compreso. Diversi gruppi di scienziati stanno cercando di capire se le persone affette da covid emettano un odore riconoscibile (come accade a chi soffre di altre malattie, come il Parkinson). Uno studio francese pubblicato a giugno aveva concluso che la fragranza corporea di chi è affetto da CoViD-19 cambia in un modo che i cani potrebbero percepire.

Entro fine novembre, i cani in forze nello scalo di Helsinki potrebbero diventare una decina, ma esperimenti simili sono in corso anche in Francia, Germania, Stati Uniti, Gran Bretagna e a Dubai. Dato il numero comunque limitato di cani e addestratori, non possiamo pensare che questo divenga il metodo di screening principale, ma potrebbe semplificare le cose in futuro nei contesti affollati - se mai ritorneremo a muoverci nelle folle.

26 settembre 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us