Salute

HIV, scagionato il "paziente zero"

Il virus arrivò negli Stati Uniti dall'Africa, attraverso i Caraibi, nel 1970, 10 anni prima che fosse scoperto, e che lo steward di volo che per primo lo contrasse fosse contagiato.

Il virus dell'HIV arrivò negli Stati Uniti dai Caraibi intorno al 1970, e lì rimase, moltiplicandosi silenziosamente, per circa 10 anni, prima che fosse identificato negli anni '80.

L'analisi di 8 interi genomi prelevati da campioni di siero di pazienti omosessuali tra il 1978 e il 1979 dimostra che in quel decennio il virus si era già diversificato sotto il profilo genetico, e che le sue caratteristiche erano molto simili a un ceppo registrato nei Caraibi, ad Haiti in particolare, nei primi anni '70. Lo studio dell'Università dell'Arizona a Tucson è stato pubblicato su Nature.

Infiltrato. La ricerca dimostra che quando il primo paziente con HIV morì a New York, nel 1981, il virus si stava già moltiplicando e differenziando tra quella città e San Francisco da almeno 10 anni: un'evidenza che di fatto assolve Gaetan Dugas, assistente di volo franco canadese considerato per molti anni erroneamente "il paziente zero".

Un aiuto prezioso. Nel 1982, quando i Centers for Disease Control and Prevention americani stavano indagando l'origine della diffusione del sarcoma di Kaposi, un tipo di tumore della pelle che oggi sappiamo collegato al virus, tre uomini di tre diverse nazioni raccontarono di aver avuto rapporti con Dugas. Il contributo dell'uomo, che fu in grado di rievocare i nomi di 72 partner avuti nei tre anni precedenti, fu fondamentale per stabilire la trasmissione per via sessuale del virus.

Una cattiva reputazione. Ma la memoria dello steward e il clamore mediatico fecero passare il messaggio sbagliato: e cioè Dugas fosse stato il primo a portare il virus in Nord America. La verità è che l'uomo, morto nel 1984 dopo anni di diffamazioni, non fu che uno delle migliaia di persone contagiate nel periodo iniziale.

27 ottobre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La morte atroce (e misteriosa) di Montezuma, la furia predatrice dei conquistadores, lo splendore della civiltà azteca perduta per sempre: un tuffo nell'America del sedicesimo secolo, per rivivere le tappe della conquista spagnola e le sue tragiche conseguenze. 

ABBONATI A 29,90€

Il ghiaccio conserva la storia del Pianeta: ecco come emergono tutti i segreti nascosti da milioni di anni. Inoltre: le aziende agricole verticali che risparmiano terra e acqua; i tecno spazzini del web che filtrano miliardi di contenuti; come sarà il deposito nazionale che conterrà le nostre scorie radioattive; a che cosa ci serve davvero la mimica facciale.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa sono i pianeti puffy? Pianeti gassosi di dimensioni molto grandi ma di densità molto bassa. La masturbazione è sempre stata un tabù? No, basta rileggere la storia della sessualità. E ancora: perché al formaggio non si può essere indifferenti? A quali letture si dedicano uomini e donne quando sono... in bagno?

ABBONATI A 29,90€
Follow us