Salute

Grandi città, grandi ciccioni

Più un quartiere è disperso, maggiore è la percentuale di gente che non si muove.

Grandi città, grandi ciccioni
Più un quartiere è disperso, maggiore è la percentuale di gente che non si muove.

La periferia anonima di una citta statunitense; gli abitanti corrono il rischio di ingrassare.
La periferia anonima di una citta statunitense; gli abitanti corrono il rischio di ingrassare.

Gli americani lo chiamano sprawl; è la costruzione disordinata di case, strade e capannoni industriali su un terreno libero intorno alle città. Ebbene, oltre al grosso problema che rappresenta per il territorio (il terreno costruito è sprecato per sempre, e spesso ci vanno di mezzo zone delicate ambientalmente) ecco un'altra voce contro lo sviluppo disordinato. Il National Center for Smart Growth (NCSG - Centro nazionale per una crescita intelligente) ha fatto un'inchiesta sugli abitanti di queste zone. E ha trovato che essi pesano circa 3 chili in più di quelli che abitano nelle cittadine più “compatte”, meno disperse. Inoltre questi abitanti passeggiano molto meno degli altri che abitano in quartieri meno disseminati; una media di 79 minuti al mese in meno di passeggiate nel tempo libero.
I dati provengono da un'inchiesta che ha coinvolto 200.000 persone che vivono in 448 contee. Ogni area è stata classificata secondo vari fattori, come la densità di case, la separazione fisica delle abitazioni, e la connessione attraverso le strade. Questo fattore è molto importante, perché nei nuovi disordinati insediamenti «Niente è vicino a nient'altro», dice Reid Ewing, del NCSG. Ewing afferma anche che i dati non sono definitivi per incolpare la sprawl di questi danni, e sono necessarie altre ricerche; ma il dato incontrovertibile è che il peso eccessivo e poca attività fisica causano circa 300.000 morti nei soli Stati Uniti.

(Notizia aggiornata al 7 settembre 2003)

29 agosto 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us