Salute

Gli stetoscopi dei medici? Possono veicolare infezioni

Proprio come le mani, anche questi utilissimi strumenti, se non disinfettati correttamente, diventano pericolosi veicoli di trasmissione batterica.

Lavarsi spesso le mani è il modo migliore per evitare di veicolare infezioni batteriche: chi lavora in ambito sanitario lo sa meglio di tutti. Ma le mani di medici e infermieri non sono l'unico "strumento" ad entrare spesso in contatto con i pazienti. Una nuova ricerca svizzera rivela che germi e batteri si possono nascondere anche su un comune, essenziale oggetto di lavoro che i dottori tengono al collo: lo stetoscopio.

Sporchi quasi quanto le dita
«Anche nelle migliori strutture, i medici dimenticano spesso di lavarsi le mani; e quando accade, si scordano senz'altro anche di disinfettare lo stetoscopio» spiega Didier Pittet dell'Ospedale Universitario di Ginevra. Insieme ai colleghi, ha chiesto a tre medici di diversa specializzazione di visitare 33 pazienti ricoverati indossando ogni volta un paio di nuovi guanti sterili, e disinfettando lo stetoscopio tra un soggetto e l'altro.

Le analisi successive a ciascuna visita hanno rivelato, sul dispositivo d'ascolto dello stetoscopio (il diaframma), una concentrazione di batteri inferiore soltanto a quella rinvenuta sui polpastrelli (guantati) dei medici e maggiore di quelle registrate, per esempio, sui palmi o sul dorso delle loro mani.

Duro a morire
Un successivo esperimento ha testato la presenza del batterio Staphylococcus aureus, resistente a diverse classi di antibiotici, sulle mani nude e sugli stetoscopi dei medici dopo aver visitato 50 pazienti ospedalizzati. Il germe è risultato presente sulle mani dei dottori in 38 casi su 50, più spesso sulle dita, e in quasi tutti i casi anche sul diaframma degli stetoscopi (talvolta persino sul tubo, contaminato probabilmente dalle mani dei medici).

Questo, sterilizzando lo strumento tra un paziente e l'altro. Figuriamoci quanti microbi si accumulano in una singola giornata di visite. Le analisi serviranno a mettere a punto sistemi più semplici e sicuri per pulire gli stetoscopi, a beneficio di chi, già ammalato, non ha certo bisogno di altri contagi.

Ti potrebbero interessare anche:

I batteri (sconosciuti) che vivono nel nostro ombelico
Microbi e batteri? Strettamente "personali"
Dai batteri dell'intestino, un aiuto contro il cancro
Il batterio termometro che percepisce la tua temperatura e poi ti infetta

Virus di cristallo
VAI ALLA GALLERY (N foto)

3 marzo 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us