Salute

Gli oculisti, senza paletti Aifa su Avastin 300 milioni di risparmi

Piovello (Soi): "Cifra che si potrebbe reinvestire anche per la cura dell'epatite C"

Roma, 1 giu. (AdnKronos Salute) - Se l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) "intervenisse per risolvere la situazione ormai inspiegabile" legata all'uso dei farmaci Avastin e Lucentis contro le malattie degli occhi, "si potrebbero risparmiare circa 300 milioni di euro l'anno, da reinvestire in altri prodotti e interventi sanitari 'salva-vista', ad esempio per la cataratta, ma anche 'salvavita' come i nuovi medicinali contro l'epatite C". A tornare sul tema dei due trattamenti per la degenerazione maculare senile, uno molto meno caro dell'altro, oggetto di una maxi-multa alle due aziende produttrici Novartis e Roche accusate di aver fatto cartello a favore del secondo, è il presidente della Società oftalmologica italiana (Soi), Matteo Piovella.

"La situazione sull'uso del farmaco meno caro in Italia, pur essendo iniziata ormai nel lontano 2007, quindi quasi 8 anni fa - evidenzia Piovella all'Adnkronos Salute - è a tutt'oggi ancora molto complicata. Tutti hanno capito, in tutto il mondo, che non ci sono problemi di sicurezza legati all'uso di Avastin in oftalmologia". Ultima, l'Organizzazione mondiale della sanità che non ha inserito il Lucentis nella lista dei farmaci innovativi. "Quei dubbi un po' strumentali che si erano diffusi sono stati superati, anche se in tempi abbastanza lunghi. Lo stesso Napoleone Ferrara, inventore di tutti e due i medicinali, tre settimane fa è stato invitato per un riconoscimento all'Università di Catania e durante la cerimonia ha ammesso che i due prodotti sono equivalenti e che uno deriva dall'altro. Una precisazione importante, dato che in passato le sue parole erano state invece usate a difesa del Lucentis".

"Tutto in teoria è semplice, le informazioni sono state comprese - ribadisce il presidente Soi - ma muoiono nella burocrazia. La normativa che ha messo in pista l'Aifa ha creato un imbuto molto ristretto, che ha fatto ridurre dell'80% l'uso di Avastin in Italia, mentre doveva dargli impulso. E' una situazione kafkiana. Capisco che chi dà le regole voglia tutelare i farmaci approvati per un'indicazione precisa: l'uso off label sfugge dal controllo dell'ente regolatorio e questo ha creato confusione. Ma, senza motivazione, l'Aifa ha relegato l'uso di Avastin solo agli ospedali, mentre in tutto il mondo avviene in tutte le strutture".

"E gli oculisti negli ospedali italiani sono molto pochi: su 7.000, oggi sono in grado di prescrivere Avastin solo 100 specialisti. Poi, con un'altra normativa, sono state create delle difficoltà relative al frazionamento delle dosi, che avveniva a opera dei medici: è stata inserita l'obbligatorietà che a frazionare siano le farmacie ospedaliere, non tenendo conto che non sono attrezzate per farlo come vuole l'Aifa, e la maggioranza si rifiuta di farlo".

Secondo Piovella, per risolvere la situazione "basterebbe tornare alla normativa in vigore prima del 2012, quando in seguito a rumors poi rivelatisi infondati l'Aifa è intervenuta con una serie di indicazioni e regole limitanti, che di fatto che hanno creato la situazione di oggi".

Problemi di sicurezza non ce ne sono, ribadisce la Soi: "Fin dal 2007 abbiamo emanato linee guida che obbligano a utilizzare queste terapie nelle sale operatorie. Chiediamo di essere messi in grado di usare il farmaco, abolendo le normative giustificate da un pericolo che si è rivelato inesistente".

In questi modo, calcola la Soi, si potrebbero generare ingenti risparmi, da reinvestire in cure delle malattie dell'occhio, ma anche per farmaci innovativi e molto costosi, come quelli per l'epatite C, che stanno creando problemi di sostenibilità al Ssn: "Una dose di Avastin costa circa 14 euro - spiega Piovella - una di Lucentis è arrivata da 2.500 a 600 euro. E' comunque di ben 40 volte più caro. I dati Ims dell'ultimo anno in Italia danno circa 170 milioni di euro di spesa per Lucentis più altri prodotti, per cui si arriva a 200 milioni. La spesa per Avastin è di soli 330.000 euro. E tenendo conto che oggi noi facciamo il 70% in meno di terapie rispetto ad altri Paesi europei, abbiamo calcolato che si potrebbero risparmiare 300 milioni di euro l'anno, che per un farmaco solo non sono pochi. Ma come mai, con un'attenzione così alta in questo periodo sulla spesa sanitaria e sul riassetto di tutto il sistema, non si affronta subito questa situazione? E' inspiegabile", conclude.

1 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us