Salute

Gli anticorpi contro la covid potrebbero durare pochi mesi

Gli anticorpi sviluppati contro il coronavirus SARS-CoV-2 sembrano sparire in fretta: se fosse così un vaccino da somministrazione unica potrebbe non bastare.

L'immunità contro la CoViD-19 potrebbe avere vita breve: è quanto suggerisce uno studio britannico che ha seguito nel tempo un centinaio di pazienti reduci da forme più o meno gravi dell'infezione e poi guariti. Gli anticorpi neutralizzanti, ossia quelli capaci non solo di riconoscere ma anche di bloccare il virus, scemano rapidamente con il tempo - ma sembrano più abbondanti e duraturi in chi ha avuto un decorso più serio. Se fossero confermati i dati preliminari, disponibili su medRxiv ma ancora in attesa di revisione, occorrerebbe rivedere le aspettative globali su una possibile immunità di gregge e su un vaccino immediatamente risolutivo.

Un fuoco di paglia. Gli scienziati del King's College London hanno cercato ripetutamente, tra marzo e giugno 2020, gli anticorpi contro il coronavirus SARS-CoV-2 nel sangue di 96 tra pazienti e operatori sanitari degli ospedali Guy's e St Thomas' del National Health Service Foundation Trust. Tutti i pazienti avevano in precedenza ricevuto una diagnosi di covid. I livelli di anticorpi neutralizzanti sviluppati dall'organismo contro l'infezione mostravano un picco dopo tre settimane dall'inizio dei sintomi, per poi diminuire rapidamente.

Anche se la maggior parte dei pazienti (il 60%) aveva prodotto un'imponente risposta immunitaria durante la malattia, soltanto il 17% mostrava ancora lo stesso livello di anticorpi neutralizzanti al termine dei tre mesi di monitoraggio. In chi aveva contratto la covid in forma lieve gli anticorpi erano appena rintracciabili, mentre sono parsi più diffusi e duraturi nei pazienti usciti da forme gravi della malattia.

Che cosa implica lo studio. Il lavoro fa riemergere il sospetto che l'immunità umorale (cioè mediante gli anticorpi prodotti dai linfociti B in risposta all'invasione di un patogeno) contro il SARS-CoV-2 possa somigliare a quella sviluppata contro altri coronavirus meno pericolosi - come quelli che causano comuni raffreddori e che possono infettare ripetutamente. Proprio di questi giorni è la notizia di una donna residente a Pozzuoli (Napoli) tornata positiva alla covid mesi dopo averla contratta ed essere guarita. 

Se i dati fossero confermati vorrebbe dire che la tanto auspicata immunità di gregge potrebbe non arrivare mai, e non solo perché relativamente poche persone contraggono l'infezione, ma perché anche in chi guarisce gli anticorpi durano poco. Soprattutto, significherebbe veder sfumare le speranze di un vaccino che cancelli l'incubo pandemia con una singola somministrazione. Piuttosto, potremmo aspettarci forme di protezione transitoria, da somministrare nei casi più a rischio.

Fortunatamente l'immunità umorale non è l'unico tipo di risposta immunitaria sulla quale possiamo contare.

Esiste anche la reazione cellulo-mediata, derivante dal contatto dei linfociti T con l'antigene (la firma proteica specifica) del virus. Questo tipo di immunità provoca la distruzione delle cellule infette e stimola la produzione di molecole infiammatorie, le citochine, che rendono più efficace la risposta al patogeno. Anche questa seconda risposta potrebbe fornire una qualche forma di protezione: siamo ancora ben lontani dall'avere certezze sull'immunità alla COViD-19.

14 luglio 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us