Salute

Fumare cannabis può (anche) aumentare il rischio di ictus e infarti

L'uso frequente di cannabis non solo favorisce lo sviluppo di disturbi mentali e psicosi ma anche eventi cardiovascolari: un rischio che finora si attribuiva solo alle sigarette.

Fumare spesso cannabis sembra aumentare in modo non trascurabile la frequenza di ictus e infarti: a dirlo è uno studio osservazionale (che si è limitato cioè a osservare il fenomeno, senza indagare dinamiche di causa-effetto) su 435.000 adulti statunitensi, uno dei più vasti finora a notare la relazione tra consumo di marijuana ed eventi cardiovascolari.

Cannabis, Tutt'altro che innocua. Da tempo si sa che fumare sigarette è un fattore di rischio importante per le malattie cardiache. Secondo gli autori dello studio, finanziato dal National Heart, Lung, and Blood Institute statunitense, anche la cannabis potrebbe essere una causa ancora sottostimata di disturbi cardiovascolari, e il rischio aumenta di molto quando il consumo è frequente.

Fumare cannabis tutti i giorni è infatti associato a una probabilità più alta del 25% di attacchi di cuore e a un rischio maggiore del 42% di ictus rispetto alla frequenza di questi eventi in chi non fa uso di cannabis. Anche un uso meno frequente è collegato a un rischio più alto di eventi cardiovascolari rispetto al non-uso: i consumatori settimanali hanno mostrato un rischio più alto del 3% di attacchi di cuore, e uno più alto del 5% di ictus.

Marijuana ed eventi cardiovascolari. Gli autori dello studio hanno indagato l'associazione tra consumo di cannabis in varie forme (fumata, vaporizzata, mangiata attraverso prodotti edibili) in quasi 435.000 adulti tra i 18 e i 74 anni tra il 2016 e il 2020. «Il nostro campione è stato abbastanza ampio da permetterci di indagare l'associazione tra uso di cannabis ed eventi cardiovascolari tra adulti che non avevano mai fumato sigarette o e-cig» precisa Abra Jeffers, analista di dati del Massachusetts General Hospital in Boston e in precedenza ricercatore del Center for Tobacco Control Research and Education dell'Università della California a San Francisco.

Significa che i risultati sono rimasti simili anche dopo aver escluso gli effetti di altri possibili fattori di rischio cardiovascolare, come appunto l'uso di tabacco o sigarette elettroniche, il consumo di alcol, un elevato indice di massa corporea, il diabete di tipo 2 o una scarsa attività fisica. «Il nostro studio dimostra che fumare cannabis comporta rischi cardiovascolari significativi, così come fumare tabacco. Ciò è particolarmente importante perché l'uso di cannabis è in aumento, mentre quello di tabacco convenzionale sta diminuendo».

Perché questo rischio? Benché lo studio non sia stato progettato per esplorare i motivi di questa associazione, gli scienziati hanno avanzato diverse possibili spiegazioni.

«Sappiamo che quando si brucia la cannabis vengono rilasciate tossine simili a quelle trovate nel fumo di tabacco» aggiunge Jeffers. Inoltre, i recettori endocannabinoidi, cioè le parti delle cellule che riconoscono il delta-9-tetraidrocannabinolo (THC), principale ingrediente psicoattivo della cannabis, si trovano in gran numero anche nei tessuti cardiovascolari.

«La percezione della pericolosità della cannabis sta calando, e le persone non l'hanno finora considerata pericolosa per la salute. Tuttavia, anche passate ricerche hanno suggerito che possa essere associata a malattie cardiovascolari. Inoltre, fumare cannabis - il metodo predominante di utilizzo - potrebbe comportare rischi aggiuntivi per via del particolato inalato». Oltre ai rischi per il cuore, è ormai un fatto assodato che un uso problematico di cannabis sia associato a un più alto rischio di disturbi mentali come schizofrenia e psicosi

7 marzo 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us