Salute

L’effetto del freddo sulle malattie autoimmuni

Alcuni studi sui topi hanno rilevato che temperature basse modificano il funzionamento delle cellule immunitarie, alleviando i sintomi delle malattie autoimmuni.

Una ricerca pubblicata su Cell Metabolism ha studiato nei topi l'effetto del freddo sulle malattie autoimmuni, rilevando un notevole miglioramento dei sintomi quando i roditori venivano esposti per un tempo prolungato a temperature rigide. Il corpo, dovendo scegliere verso quale attività canalizzare le proprie energie, darebbe priorità all'obiettivo vitale di mantenersi al caldo, riducendo così le funzioni immunitarie.

Effetti sorprendenti. I ricercatori hanno confrontato le reazioni di due gruppi di topi, entrambi affetti da encefalomielite autoimmune sperimentale (EAE), il corrispondente animale della nostra sclerosi multipla. I primi, esposti a temperature di 10 °C per due settimane, hanno sperimentato un notevole miglioramento nei sintomi della malattia, con una scomparsa quasi totale della paralisi agli arti che impediva loro di muoversi normalmente; nei secondi, esposti a temperature di circa 33 °C, gli studiosi hanno invece riscontrato un peggioramento dei sintomi.

Guardando alle cellule immunitarie dei topi, i ricercatori hanno determinato che il freddo aveva indotto dei cambiamenti nei monociti (globuli bianchi fondamentali nel gestire la risposta immunitaria), influenzando la loro abilità di istruire le cellule T ad attaccare il sistema nervoso.

Stiamo troppo al caldo? Ricordando che si tratta ancora solo di studi sui topi, e che è quindi ancora presto per trarre conclusioni riguardanti la nostra salute, Mirko Trajkovski, uno degli autori, vede però dei parallelismi con noi umani: «Il miglioramento delle condizioni di vita nei Paesi occidentali è andato di pari passo con un aumento delle malattie autoimmuni», afferma, evidenziando che si tratta comunque solo di uno tra tanti fattori. In futuro, Trajkovski si augura di comprendere più a fondo in che modo il freddo influenza i monociti, anche in assenza di malattie autoimmuni: «Potrebbe essere questa la chiave per capire il motivo per cui siamo più soggetti alle infezioni in inverno», conclude.

3 gennaio 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us