Scienza

Forte carenza dei pediatri in convenzione

Roma, 12 giu. (AdnKronos Salute) - In 3 anni si sono ridotti gli ospedali pubblici in Italia. Tra il 2009 e il 2012 si evidenzia una contrazione del 3,2% del numero di strutture pubbliche ospedaliere, "per effetto degli interventi di razionalizzazione effettuati nel periodo in esame". E' quanto emerge dall'Annuario statistico del Servizio sanitario nazionale - Assetto organizzativo, attività e fattori produttivi del Ssn - anno 2012, a cura della direzione generale della digitalizzazione del sistema informativo sanitario e della statistica, Ufficio di Statistica del ministero della Salute.

Per l'assistenza specialistica ambulatoriale si assiste nel periodo in esame a una lieve diminuzione (-0,3%) degli ambulatori e laboratori pubblici e a una più consistente diminuzione (-2,1%) delle strutture private accreditate. Incrementi, soprattutto per il privato accreditato, sono evidenziati invece dai trend dell'assistenza territoriale semiresidenziale (-0,3% per il pubblico, +6% per il privato accreditato) dell'assistenza territoriale residenziale (+1,0% per il pubblico, +5,7% per il privato accreditato) e dell'assistenza riabilitativa ex art.26 L. 833/78 (+2,1% per il pubblico, +2,0% per il privato accreditato). Per l'assistenza erogata da altre strutture territoriali, a fronte di un aumento del 1,1% delle strutture pubbliche, si rileva un aumento del 4% delle strutture private accreditate.

Quanto al personale, in media a livello nazionale ogni medico di base ha un carico potenziale di 1.142 adulti residenti. A livello regionale esistono comunque notevoli differenziazioni: per le regioni del Nord, fatte salve alcune eccezioni, gli scostamenti dal valore medio nazionale sono positivi. In particolare, si evidenzia la Provincia Autonoma di Bolzano con 1.539 residenti adulti per medico di base: va però tenuto presente che nella Provincia autonoma il contratto di convenzione con il Ssn dei medici di base stabilisce quale massimale di scelte 2.000 assistiti.

In Basilicata, invece, si registra il valore minimo di 1.006 residenti adulti per medico di medicina generale; nelle regioni del Sud in generale si registrano scostamenti negativi dal valore nazionale. Il carico medio potenziale per pediatra, inoltre, è a livello nazionale di 1.017 bambini, con una variabilità territoriale anche più elevata rispetto a quella registrata per i medici di medicina generale. Tutte le regioni comunque sono caratterizzate "da una forte carenza di pediatri in convenzione con il Ssn, ad eccezione di Abruzzo, Sardegna e Sicilia" che presentano un numero di bambini per pediatra di poco superiore al massimale stabilito nel contratto di convenzione.

Nell'esaminare lo scostamento del carico potenziale dal valore nazionale, spicca il dato di Bolzano, con un valore pari al 29% (1.309 bambini per pediatra). A fronte del carico potenziale dei medici di base (di medicina generale e pediatri), è possibile valutare il carico assistenziale effettivo, dato dal numero degli iscritti al Ssn (coloro che hanno scelto presso la Asl di competenza il proprio medico di base) per ciascun medico. Nella maggior parte delle regioni l'indicatore evidenzia che il numero di scelte per medico di medicina generale è di poco superiore al numero di adulti residenti per medico di medicina generale, mentre il numero di scelte per pediatra è "sempre inferiore al numero dei bambini residenti per pediatra".

"Complessivamente il numero totale delle scelte è di poco inferiore al numero complessivo dei residenti. Da ciò si deduce dunque che per molti bambini è stata scelta l'assistenza erogata dal medico di medicina generale anziché l'assistenza pediatrica", conclude il rapporto.

12 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

In viaggio con Dante Alighieri: per scoprire il “suo” Medioevo, seguirlo sulla via dell'esilio e capire i motivi che lo spinsero a scrivere la Divina Commedia, pietra miliare della lingua e della letteratura italiana. E ancora: i segreti di Madame Claude, la maitresse più famosa di Parigi che “inventò” le ragazze squillo; nella Napoli di Gioacchino Murat, il cognato coraggioso e spavaldo di Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Le nostre attività lasciano un’impronta sull’ambiente, ma dobbiamo vivere in un mondo più sostenibile. Come fare? Inoltre: Voyager 2, la navicella più longeva nella storia delle missioni spaziali; come funzionano i reparti di terapia intensiva dove si curano i malati della CoViD-19; cos'è davvero il letargo per gli animali.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us