Salute

Una persona su 5 nel mondo corre un rischio aumentato di forme gravi di CoViD-19

Nel mondo 1,7 miliardi di persone soffrono di condizioni che possono aggravare il decorso della CoViD-19: dovranno essere vaccinate per prime.

Almeno 434.000 persone nel mondo sono morte nei primi sei mesi di CoViD-19, ma la letalità dell'infezione da nuovo coronavirus non si distribuisce in modo omogeneo: alcune diffuse malattie croniche, come il diabete, le patologie polmonari e quelle cardiovascolari, predispongono a forme più gravi della malattia. In base a una stima di recente pubblicata sul Lancet Global Health, il 22% della popolazione globale, cioè 1,7 miliardi di persone, è affetto da almeno una patologia che può aggravare il decorso della CoViD-19.

Non sono inclusi nell'analisi gli anziani in buone condizioni di salute, che rientrano già nelle categorie a rischio; né sono stati presi in considerazione, per questo specifico lavoro, fattori come obesità e povertà, anch'essi legati a esiti più seri dell'infezione.

Chi rischia di più. Gli scienziati guidati da Andrew Clark, della London School of Hygiene and Tropical Medicine, sono partiti dal Global Burden of Disease Study, un'analisi epidemiologica sulla salute globale aggiornata al 2017, per quantificare il numero di persone che rientrano in almeno una di 11 categorie considerate a rischio: persone che soffrono di malattie cardiovascolari (incluse quelle causate da ipertensione), di malattie croniche di reni, apparato respiratorio e fegato, di diabete, di cancro con uso diretto di immunosoppressori o con immunosoppressione causata dalle terapie, di HIV o AIDS, di tubercolosi, malattie neurologiche croniche, anemia.

Non esistono studi su ognuna di queste condizioni in relazione alla CoViD-19 (per esempio, si sa ancora poco su CoViD-19 e HIV), pertanto alcune patologie sono state incluse solo come possibili fattori di rischio.

L'obesità - un altro fattore di rischio per le forme gravi di CoViD-19 - non è stata presa in considerazione in questo studio. © Shutterstock

Che cosa significa rischio aumentato. Il team ha stimato il numero di individui con queste condizioni per 188 Paesi, e ha concluso che oltre un quinto della popolazione mondiale corre un rischio aumentato di sviluppare forme più gravi di CoViD-19, anche se non tutte queste persone, se contagiate, richiederanno un ricovero.

Solo il 4% della popolazione mondiale, 349 milioni di persone, dovrebbe aver bisogno di cure ospedaliere per CoViD-19: questa percentuale include le persone anziane senza particolari problemi di salute, perché il rischio di un ricovero aumenta con l'età del paziente. La percentuale di popolazione con rischio aumentato di forme serie di CoViD-19 è più elevata nei Paesi con una popolazione più anziana, nei Paesi africani con un'alta incidenza di HIV o AIDS e nelle piccole nazioni insulari con alta prevalenza di diabete.

Protetti per primi. La catena di fattori che porta un paziente a sviluppare forme gravi di CoViD-19 non è ancora del tutto chiara, ed è legata almeno in parte a elementi socioeconomici come la povertà e il difficile accesso alle cure - parametri che non sono stati misurati dal Global Burden of Disease Study.

Tuttavia, la polvertà è spesso alla base di malattie croniche come il diabete o le malattie cardiovascolari e in un certo senso potrebbe aver lasciato una traccia nascosta nei dati dello studio. Inoltre, una condizione di salute che in un Paese aumenta il rischio di CoViD-19 grave potrebbe non risultare così penalizzante in un altro Paese.

Precisazioni a parte, prendere atto del fatto che la CoViD-19 non colpisce tutti allo stesso modo è fondamentale per capire chi dovrà essere vaccinato per primo, in previsione delle prossime ondate della pandemia.

22 giugno 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us