Salute

Fitness: pediatri a ministro, semplificare criteri per attività motoria

Eliminare certificato ed Ecg per under 6 e per le attività scolastiche

Roma, 20 lug. (AdnKronos Salute) - Un provvedimento nato con l'intenzione di tutelare la salute di chi pratica sport, ma che nel tempo sembra essersi trasformato in una 'trappola' burocratica, che complica la pratica dell'attività motoria soprattutto dei giovanissimi. A chiedere al ministro della Salute Beatrice Lorenzin di intervenire, semplificando le norme per la certificazione d'idoneità dell'attività motoria nell'infanzia, sono il presidente dei pediatri Fimp, Giampietro Chiamenti, quello della Sip, Giovanni Corsello e dell'Acp, Paolo Siani, in una lettera "in nome e per conto di tutti i pediatri italiani".

Tutto nasce dalle "difficoltà e complicazioni che il susseguirsi di Dl nel corso del 2013, culminati con il decreto attuativo dell’8 agosto 2014 'Linee guida d’indirizzo in materia di certificati medici per l’attività sportiva non agonistica', ha indotto nelle famiglie dei nostri assistiti - affermano i pediatri - La nebulosa definizione di 'attività sportiva non agonistica', l'obbligo di un elettrocardiogramma per il rilascio della certificazione relativa e i costi derivanti hanno reso complesso e più difficile l’approccio alla attività motoria organizzata, specialmente per i bambini delle fasce sociali più disagiate". Ricordando l'importanza dell'attività fisica per la salute dei bambini, i pediatri propongono così di semplificare la vita a genitori e piccoli.

"Sarebbe opportuno liberare da qualsiasi obbligo certificativo tutte le attività motorie organizzate nella prima infanzia almeno fino ai 6 anni. La promozione dell’attività fisica rientra a pieno titolo nei compiti istituzionali della scuola, per cui anche in questo contesto la certificazione delle attività sportive parascolastiche andrebbe ridefinita e precisata, escludendola dall’onere certificativo", salvaguardando la certificazione "per quanto concerne l’attività svolta per i Giochi della gioventù, a partire dalle fasi successive a quelle di Istituto o reti di Istituti".

"Il gruppo di lavoro ad hoc istituito per emanare una nota esplicativa di una legge rivelatasi controproducente - ricordano i pediatri - ha elaborato un parere espresso nella nota del ministero della Salute n.5479. Il documento conferma come la certificazione per l’attività sportiva non agonistica e l'Ecg devono essere richiesti esclusivamente per i soggetti tesserati al Coni o società sportive affiliate a federazioni o enti sportivi da questo riconosciuti". Ma questo, sostengono i pediatri, crea una poco comprensibile differenziazione.

Quasi tutte le palestre, piscine e circoli sono affiliati al Coni e quando organizzano corsi di varia tipologia tesserano d’ufficio i praticanti, a prescindere dall’età e dal tipo di impegno. Ma è "paradossale e difficile da giustificare alla mamma di un lattante di 9 mesi che inizia un corso di acquaticità la necessità per legge di Ecg e certificato non agonistico per il semplice fatto che, iniziando il corso, viene automaticamente tesserato dalla piscina, essendo questa affiliata per motivi di opportunità amministrativa.

Bene ha fatto la Commissione Affari sociali della Camera a confermare l’abolizione del certificato sportivo per l’attività ludico motoria, fatti salvi i casi giudicati a rischio dal curante, in un contesto nel quale le strutture che organizzano attività ricreative in età pediatrica continuano a richiedere certificati per motivi assicurativi o di tesseramento vario".

Ecco dunque che i pediatri chiedono a Lorenzin di "riesaminare la questione, che ha forti implicazioni sociali anche per i costi connessi non previsti nei Lea, allontanando le famiglie dall’offrire l’opportunità di praticare attività motoria organizzata ai propri figli".

20 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us