Salute

Fecondazione: Veronesi, gay possono essere bravissimi genitori

Sciocco parlare di bebè sintetici, l'oncologo interviene nel dibattito aperto da dichiarazioni di Domenico Dolce

Milano 17 mar. (AdnKronos Salute) - "Se Domenico Dolce ha definito i figli nati con l'aiuto della provetta 'sintetici' ha detto una sciocchezza". E ancora: "Perché mai essere contrari alle adozioni da parte delle coppie gay? Un gay può essere un bravissimo padre o una bravissima madre, non vedo che differenza ci sia". Sono le parole dell'oncologo ed ex ministro della Sanità Umberto Veronesi.

Rispondendo ai giornalisti a margine di un evento a Milano (per presentare una collaborazione fra la Fondazione Veronesi e 'Aquae Venezia 2015', esposizione collaterale di Expo Milano), lo scienziato dice la sua nel dibattito aperto dalle dichiarazioni rilasciate dalla 'metà siciliana' della coppia di stilisti Dolce & Gabbana. Frasi in cui Dolce ha espresso le sue idee sulla famiglia, sulla prospettiva di un figlio per una coppia gay e sulla diffidenza verso la scelta di avere quelli che ha definito "bambini sintetici".

Veronesi si posiziona "sul fronte opposto. Sono favorevole alla riproduzione cosiddetta 'in provetta' perché ormai di fronte a un'aumentata infertilità, sia maschile che femminile, e a una procreazione che avviene sempre più avanti con gli anni, dobbiamo trovare delle soluzioni. È la più semplice è la procreazione medicalmente assistita". Quanto al diritto di una coppia gay di coronare la propria unione con un figlio, Veronesi si dice favorevole: "Perché mai essere contrari? Bisogna amare i propri figli. Se una persona ha questa spinta amorevole verso un figlio, che sia o non sia geneticamente suo, la cosa è più che legittima. E questo sia che si tratti di coppie gay o di genitori single".

17 marzo 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us