Salute

Un bambino in provetta e tre genitori

La Camera dei Comuni inglese ha approvato l'uso di una tecnica di fecondazione mescola il Dna di due madri e un un padre, per evitare la nascita di figli con malattie genetiche. Di che cosa si tratta?

Viene chiamata “fecondazione in vitro con tre genitori”, ed è una tecnica concepita per evitare la nascita di bambini con gravi malattie ereditarie. La camera bassa del Parlamento inglese (la Camera dei Comuni) ha appena approvato una legge che permetterà di ricorrere a queste tecniche.

Se la legge verrà approvata anche dalla Camera dei Lord e riceverà il via libera dell’HFEA, Human Fertilisation and Embryology Authority, l’organo del ministero della Salute inglese che si occupa di fecondazione, il Regno Unito diventerà il primo paese al mondo a utilizzare questa particolare tecnica di fecondazione artificiale.

È un passo importante perché la tecnica è controversa: per i sostenitori è l’unica possibilità esistente per evitare la nascita di bambini affetti da una classe di malattie gravi e incurabili; per i detrattori potrebbe aprire la strada un mondo dove è possibile progettare figli “su misura”, con gli occhi azzurri o i capelli biondi, di alta statura o dotati per la musica.

Ma come funzionano queste metodologie di fecondazione?

Via il Dna malato, dentro quello sano. I ricercatori sono riusciti a mettere a punto tecniche di manipolazione dell’ovocita per sostituire alcune parti di Dna che potrebbero contenere mutazioni dannose e sostituirlo con lo stesso materiale genetico proveniente da un’altra donna sana.

Il Dna in questione è quello cosiddetto mitocondriale, contenuto all’interno di organelli chiamati mitocondri, di solito definiti come le centrali energetiche della cellula (anche se la loro funzione non è solo di produrre energia).

Gli scienziati hanno identificato centinaia di mutazioni del Dna mitocondriale che possono provocare ogni sorta di malattie con sintomi gravi, dalla cecità all’epilessia agli ictus ricorrenti. Ne è affetto circa uno ogni 5mila nati, e attualmente non c’è cura.

Un metodo, sviluppata alla Università di Newcastle in Inghilterra, parte dall’ovocita con Dna mitocondriale malato già fecondato. Il suo Dna nucleare, contenente il patrimonio genetico del padre e della madre, viene rimosso e trasferito in un altro ovocita sano, da cui è stato rimosso il Dna nucleare.

Come nasce la vita?
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Rimozione ante concepimento. In una seconda tecnica, messa a punto da Shoukhrat Mitalipov e colleghi della Oregon Health & Science University, il Dna nucleare viene invece rimosso dall’ovocita malato non ancora fecondato e trasferito in uno sano, che verrà poi fecondato in provetta. L’embrione così ottenuto, a questo punto, verrebbe trasferito nell’utero della madre per far procedere la gravidanza. Il bambino nato grazie a questa tecnica avrebbe il patrimonio genetico del padre e della madre e il Dna mitocondriale della donna che ha fatto da donatrice: tecnicamente, tre genitori.

Dubbi scientifici. Finora i ricercatori hanno creato embrioni umani in questo modo, senza però trasferirli nell’utero. Nella sperimentazione con animali, scimmie nella fattispecie, sono nati animali sani, che non hanno avuto complicazioni fino all’età adulta.

Secondo gli scienziati che la studiano, la tecnica è matura per essere trasferita nell’uomo. Secondo altri, però, si tratta di un passo avventato perché le conoscenze ottenute dagli esperimenti con gli animali non sarebbero ancora sufficienti. C’è chi sottolinea che non si sa che cosa succederà alle generazioni successive, e quali sono i rischi a lungo termine. Altri ancora sottolineano i problemi ottenuti in alcuni esperimenti con animali in cui è stato mischiato Dna nucleare e mitocondriale.

Dubbi morali. Poi ci sono le considerazioni di tipo etico: c’è chi teme che l’introduzione di questa tecnica apra la strada a un mondo in cui è lecito creare figli su misura, con le caratteristiche più desiderabili.


Di fatto, oggi, l’unico mezzo per cercare di evitare di far nascere bambini affetti da malattie è la diagnosi genetica pre-impianto: si analizzano le cellule degli embrioni ottenuti con la fecondazione in vitro e si scartano quelli “malati”. Ma nel caso delle malattie mitocondriali non è semplice.

E negli USA? Circa un anno fa, il 26 febbraio 2014, la Food and Drugs Administration, l’ente americano che detta le regole in materia, si era riunita per decidere se fosse arrivato il momento di passare dalla fase di sperimentazioni sugli animali a quella sull’uomo per le tecniche di "fecondazione in vitro con tre genitori" dando il proprio via libera.

6 febbraio 2015 Chiara Palmerini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us