Salute

Fecondazione: coppie ricorse a Consulta, sconfortate per nuova attesa

Parlano le due donne che hanno intrapreso la battaglia per avere accesso alla Pma

Roma, 15 apr. (AdnKronos Salute) - Ieri avevano gioito e pianto al termine dell'udienza pubblica alla Corte costituzionale, in cui gli avvocati avevano presentato ai giudici i loro casi: coppie senza problemi di sterilità, ma portatrici di gravi malattie genetiche che impediscono di portare a termine il sogno di sempre, un figlio sano. Ma oggi, alla notizia che la Consulta ha preso ancora tempo per decidere se abolire o meno il divieto di accesso alle tecniche di fecondazione assistita per queste coppie - previsto dalla legge 40/2004 - interpellati dall'Adnkronos Salute, i quattro coniugi che hanno voluto intraprendere una battaglia "per tutte le coppie come noi", si dicono "fortemente sconfortati".

"Dire che ci siamo rimasti male è veramente poco - confessa Valentina, 29 anni - ogni volta è un'attesa continua. Non è possibile. E' vero che ognuno deve fare il proprio lavoro ed è giusto anche che i giudici lo facciano nel migliore possibile, ma sono tre anni che aspettiamo questa decisione. La discriminazione fra noi e altre coppie è chiara: non solo rispetto a quelle infertili, ma anche a quelle fertili affette da malattie sessualmente trasmesse, che possono accedere alla diagnosi preimpianto. Noi no. Esistono cittadini di serie A e di serie B. Per noi doveva essere un giorno di svolta, ora dovremo aspettare almeno altre due settimane: è davvero dura".

Altrettanto delusa Maria Cristina, 36 anni, che oggi aspettava la sentenza dal posto di lavoro: "Siamo sconfortati e anche un po' sconcertati, non so nemmeno che dire. Cerco di reagire e di non perdere la speranza. Non abbiamo scelta, dobbiamo attendere e vogliamo rimanere fiduciosi, sperando in un esito positivo. Queste due settimane", necessarie per arrivare alla data della prossima riunione della Consulta, "saranno davvero lunghe".

Nella prima coppia, è la moglie a essere portatrice di una traslocazione cromosomica trasmissibile molto grave: dopo una prima gravidanza con aborto spontaneo, avviene una seconda gravidanza, ma al quinto mese viene effettuata una villocentesi che evidenzia gravi problemi, per cui la coppia deve ricorrere all'interruzione volontaria di gravidanza. Quest'esperienza segna molto i due giovani, che si erano rivolti all'ospedale Sandro Pertini di Roma e che durante la fase principale dell'aborto - raccontano - subiscono anche il rifiuto di soccorso dei sanitari che si appellano all'obiezione di coscienza.

La coppia successivamente chiede di poter accedere alla fecondazione assistita per conoscere lo stato di salute dell'embrione prima del trasferimento in utero ed evitare possibili aborti. Al rifiuto da parte del centro Pma S.Anna di Roma, i coniugi si rivolgono al tribunale di Roma, che ha rimesso alla Consulta la questione di legittimità costituzionale.

Nella seconda coppia, la donna è portatrice sana di distrofia muscolare di Becker, malattia genetica ereditata dal padre e con il 50% di probabilità di trasmettersi al figlio. Gli aspiranti genitori hanno vissuto 4 gravidanze interrotte da aborti spontanei, e una quinta in cui hanno deciso di ricorrere ad aborto terapeutico perché il feto è risultato, a seguito di villocentesi, affetto dalla grave patologia. Al rifiuto di ritentare con una gravidanza, ma con diagnosi preimpianto sempre al S.Anna, anche P. e M.C. hanno deciso di rivolgersi al tribunale di Roma che con una ordinanza simile a quella della prima coppia, ha rimandato la questione alla Consulta.

15 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 31,90€
Follow us