Focus

La fecondazione eterologa è possibile in Italia

La Corte Costituzionale stabilisce che la norma della legge 40 che vieta il ricorso a un donatore esterno alla coppia è illegittima.

reu_rtr2msav
Campioni di sperma da diversi donatori raccolti in un laboratorio. |

Il divieto di fecondazione eterologa è incostituzionale.
Lo ha deciso la Consulta che ha stabilito che l'articolo 4 della legge 40/2004 sulla procreazione medicalmente assistita è incostituzionale.

Con la decisione della Corte Costituzionale cade quindi il divieto e la sanzione dai 300 mila ai 600 mila euro per chi utilizzava a fini procreativi gameti (ovociti e spermatozoi) di soggetti estranei alla coppia richiedente.

 

Per saperne di più

I figli della provetta: come funziona la fecondazione in vitro

Una nascita straordinaria: la storia della prima bimba nata in provetta

Reportage da un pancione: le incredibili immagini in 3D dello sviluppo di un embrione

Vuoi diventare papà?
Fai sesso ad aprile!

Come funzionava la legge 40

La legge 40 sulla procreazione medicalmente assistita era già stata smantellata da varie sentenze giudiziarie che avevano reso di nuovo possibile congelare gli embrioni, produrne più di tre e impiantare nell'utero solo quelli ritenuti necessari a ottenere la gravidanza.

Inoltre, avevano restituito la possibilità di accedere alla fecondazione in vitro per le coppie portatrici di malattie che potrebbero essere trasmesse ai figli.

Restano in vigore alcune limitazioni tra cui:
- il ricorso alle madri surrogate;
- la fecondazione nel caso uno dei due componenti della coppia sia deceduto;
- la donazione degli embrioni;
- l'utilizzo degli embrioni per la ricerca scientifica (e quindi possibilità di donazione degli embrioni da parte di una coppia);
- il ricorso alla fecondazione eterologa per coppie dello stesso sesso o single.

 

Come nasce la vita?
VAI ALLA GALLERY (N foto)

 

9 aprile 2014