Salute

Farmaci: stop ad antidepressivi sbagliati, test sangue aiuterà medici

Esame aiuterà a prevedere risposta paziente, autori dello studio due ricercatori italiani

Roma, 7 giu. (AdnKronos Salute) - Un semplice teste del sangue potrebbe aiutare i medici a prescrivere il giusto antidepressivo ai pazienti che hanno in cura, evitando così scelte che possono rivelarsi controproducente o dannose. Ricercatori italiani del King's College di Londra hanno sviluppato questo esame che è in grado di prevedere con precisione se le persone che soffrono di depressione risponderanno ad un farmaco. Lo studio è stato pubblicato su 'International Journal of Neuropsychopharmacology'.

"L'obiettivo - ha spiegato Annamaria Cattaneo, co-autore Institute of Psychiatry, Psychology & Neuroscience del King's College - è di aiutare i medici nell'arrivare il più vicino possibile ad un trattamento personalizzato". "Spesso i pazienti - ha sottolineato al 'Telegraph' Carmine Pariante, autore principale dello studio e docente di Psichiatria biologica al King's College - devono sopportare continui cambi di terapia farmacologica prima di arrivare al farmaco giusto per il loro disturbo. L'esame del sangue, a cui lavoriamo da 5 anni, impedirebbe questo metodo perché identifica subito se una molecola è o meno 'a misura' del paziente".

Il test funziona misurando il livello di due sostanze nel sangue che sono marcatori di una infezione in corso. Quest'ultima - secondo molti studi - è la spia di una scarsa risposta dell'organismo agli antidepressivi tradizionali. Se i livelli superano una determinata soglia i medici potranno decidere di optare per molecole più complesse o combinandole con anti-infiammatori.

7 giugno 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us