Salute

Farmaci: stop ad antidepressivi sbagliati, test sangue aiuterà medici

Esame aiuterà a prevedere risposta paziente, autori dello studio due ricercatori italiani

Roma, 7 giu. (AdnKronos Salute) - Un semplice teste del sangue potrebbe aiutare i medici a prescrivere il giusto antidepressivo ai pazienti che hanno in cura, evitando così scelte che possono rivelarsi controproducente o dannose. Ricercatori italiani del King's College di Londra hanno sviluppato questo esame che è in grado di prevedere con precisione se le persone che soffrono di depressione risponderanno ad un farmaco. Lo studio è stato pubblicato su 'International Journal of Neuropsychopharmacology'.

"L'obiettivo - ha spiegato Annamaria Cattaneo, co-autore Institute of Psychiatry, Psychology & Neuroscience del King's College - è di aiutare i medici nell'arrivare il più vicino possibile ad un trattamento personalizzato". "Spesso i pazienti - ha sottolineato al 'Telegraph' Carmine Pariante, autore principale dello studio e docente di Psichiatria biologica al King's College - devono sopportare continui cambi di terapia farmacologica prima di arrivare al farmaco giusto per il loro disturbo. L'esame del sangue, a cui lavoriamo da 5 anni, impedirebbe questo metodo perché identifica subito se una molecola è o meno 'a misura' del paziente".

Il test funziona misurando il livello di due sostanze nel sangue che sono marcatori di una infezione in corso. Quest'ultima - secondo molti studi - è la spia di una scarsa risposta dell'organismo agli antidepressivi tradizionali. Se i livelli superano una determinata soglia i medici potranno decidere di optare per molecole più complesse o combinandole con anti-infiammatori.

7 giugno 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us