Salute

Farmaci: l'effetto placebo? Potrebbe dipendere dal Dna

Studio esplora ipotesi, in futuro screening per selezionare pazienti più adatti alla ricerca

Roma, 14 apr. (AdnKronos Salute) - - L'effetto placebo - cioè credere fermamente che una sostanza possa dare un beneficio, al punto da ottenerlo davvero anche se in ciò che si assume non c'è alcun principio attivo - può variare da persona a persona e la spiegazione potrebbe nascondersi nel Dna. E' il 'lato oscuro' della suggestione che sta cercando di indagare lo studio del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston (Usa), pubblicato su 'Trends in Molecular Medicine'. Gli scienziati stanno valutando se la genetica dei pazienti che hanno sperimentato l'effetto placebo è diversa da quella di chi non ha vissuto questo tipo di reazione. Per il futuro, quindi, si apre la possibilità di selezionare in modo più mirato i pazienti da coinvolgere in ricerche e sperimentazioni.

"Capire come funziona l'effetto placebo, e nello specifico quali geni sono coinvolti - suggeriscono gli studiosi - apre la possibilità di poter migliorare le risposte dei pazienti alle cure cliniche e ai prodotti farmaceutici, e potrebbe permettere di raffinare le ricerche che usano l'effetto placebo per misurare l'efficacia di nuove molecole". Studi precedenti hanno rivelato che alcune vie di segnalazione cerebrali, che si attivano in particolare con determinate sostanze (la dopamina, gli oppioidi, gli endocannabinoidi e la serotonina), aiutano a mediare l'effetto placebo. Partendo da questo tipo di conoscenze, la ricerca sta iniziando ad esaminare le variazioni genetiche che possono modificare l'effetto placebo: i risultati - conclude il lavoro - potrebbero suggerire la possibilità di utilizzare screening genetici per identificare i pazienti che rispondono meglio.

14 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us