Salute

Farmaci: Bmj, ospedali sprecano soldi per cure cancro con pochi benefici

Il parere dell'oncologo Peter Wise del Charing Cross Hospital e dell'Imperial College di Londra

Roma, 10 nov. (AdnKronos Salute) - Gli ospedali inglesi stanno sprecando soldi in maniera "non etica" per farmaci contro il cancro altamente costosi, che prolungano la vita dei pazienti solamente di uno o due mesi. E' l'allarme lanciato in un articolo sul 'British Medical Journal', firmato da Peter Wise del Charing Cross Hospital e dell'Imperial College School of Medicine (Londra), ex consulente del sistema sanitario pubblico britannico (Nhs).

Il Paese mette a disposizione un Fondo speciale per i farmaci oncologici pari a 340 milioni di sterline l'anno, sotto il controllo del National Institute for Health and Care Excellence (Nice). Ma secondo l'esperto, molti nuovi farmaci approvati negli ultimi 10 anni offrono solo un effetto definibile minore sulla sopravvivenza dal cancro negli adulti, sostiene Wise. In alcuni casi, solo una manciata di settimane. La loro prescrizione, dunque, "potrebbe essere inappropriata" per molti pazienti, e occorrono criteri più rigoroso per l'approvazione dei questi medicinali.

L'articolo sul Bmj si interroga anche sulla misura in cui il miglioramento nella sopravvivenza dal cancro possa essere attribuita ai nuovi medicinali, piuttosto che ad altri fattori. Per Wise, inoltre, spesso i nuovi prodotti vengono approvati sulla base di "risposte marginali ottenute nelle sperimentazioni cliniche" che "non possono essere applicate alla maggior parte dei pazienti trattati al di fuori dei trial".

Da parte sua, il Nice risponde attraverso un suo portavoce precisando che l'ente "raccomanda solo trattamenti che hanno dimostrato benefici clinici e hanno un buon rapporto qualità-prezzo per il Servizio sanitario nazionale".

10 novembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us