Salute

Farmaci anticovid nelle acque reflue: un rischio per la vita marina?

Nelle acque reflue di alcune zone della Pennsylvania sono state rilevate alte concentrazioni di farmaci anticovid e antibiotici: quali sono i rischi per gli organismi acquatici?

Alcuni farmaci utilizzati per trattare la covid sono stati rilevati nelle acque reflue in entrata e in uscita da alcuni impianti di scarico in Pennsylvania: secondo i ricercatori che hanno effettuato lo studio, pubblicato sul Journal of Environmental Quality, i livelli di alcuni medicinali sarebbero sufficientemente alti da avere un potenziale dannoso per gli organismi acquatici. «L'aumento delle concentrazioni dei farmaci potrebbe essere connesso a un uso maggiore che ne è stato fatto durante la pandemia», spiega Heather Preisendanz, una degli autori.

Da maggio 2020 a maggio 2021, gli studiosi hanno raccolto settimanalmente dei campioni delle acque reflue affluenti (in entrata) ed effluenti (in uscita) di due impianti di scarico in Pennsylvania. Le hanno poi analizzate per rilevare l'eventuale presenza del coronavirus SARS-CoV-2 e di diversi farmaci, tra cui antidolorifici, antibiotici e farmaci specifici per il trattamento della covid. In piena pandemia, spiega Preisendanz, chi presentava sintomi veniva invitato a curarsi a casa con antidolorifici come il naproxene o il paracetamolo; le infezioni batteriche che insorgevano insieme alla covid venivano trattate con antibiotici; con i pazienti più gravi, che necessitavano di ricovero, si è tentata a volte la cura con remdesivir o desametasone.

Antidolorifici. Tra i farmaci analizzati, gli antidolorifici erano quelli più presenti nelle acque reflue, ma il loro uso non sarebbe connesso alla covid: tuttavia il naprossene, spesso utilizzato per curare l'artrite, è stato ritrovato in concentrazioni tali da rappresentare un rischio da basso a medio per gli organismi acquatici.

Remdesivir e desametasone. Le concentrazioni di remdesivir e desametasone sarebbero invece connesse alla covid, e in particolare ai pazienti ricoverati in un ospedale della zona dove sorgeva uno dei due impianti analizzati: nelle acque affluenti sono state riscontrate delle concentrazioni di remdesivir pari al 28% e di desametasone pari al 31%. L'impianto riusciva a depurarne rispettivamente il 39% e il 56%. «Non è possibile calcolare il rischio preciso che questi due farmaci comportano per gli organismi acquatici, poiché non sono stati ancora condotti studi sul tema», spiega Preisendanz, che sottolinea però che le quantità di desametasone rilevate potrebbero essere dannose per i pesci.

Antibiotici. Per quanto riguarda gli antibiotici, i ricercatori hanno rilevato che le concentrazioni di trimetoprim rappresentano un rischio da basso a medio per gli organismi marini, mentre quelle di sulfametossazolo potrebbero essere molto dannose soprattutto per le alghe, nutrimento per molti animali acquatici.

Monitorare le acque reflue. «È importante sottolineare che questi calcoli non tengono conto dell'effetto combinato dei diversi farmaci, che potrebbe essere molto peggiore», mette in guardia Preisendanz.

Il loro studio, conclude l'esperta, sottolinea l'importanza del monitoraggio delle acque reflue per capire gli effetti che i farmaci possono avere sulla qualità dell'acqua e sull'ecologia.

27 settembre 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us