Salute

Farmaci: 100 mila pillole 5 giorni dopo vendute da stop obbligo ricetta

L'azienda, l'anno precedente erano 16 mila

Roma, 4 feb. (AdnKronos Salute) - "Sono circa 100.000 le confezioni di pillola 'dei 5 giorni dopo' che sono state vendute" dopo l'abolizione dell'obbligo di ricetta medica per le maggiorenni, avvenuta per mezzo di una delibera Aifa emanata a maggio 2015. "L'anno precedente in totale erano 16.000. Ma, in generale, non si registra un aumento del ricorso alla contraccezione d'emergenza, considerando cioè tutti i farmaci disponibili. Al massimo, un +5-6% rispetto all'anno precedente". A tracciare il quadro è Alberto Aiuto, amministratore delegato dell'azienda produttrice del farmaco per la contraccezione d'emergenza, la Hra Pharma, oggi a Roma a margine della presentazione di un'indagine sul prodotto, a volte ancora negato dai farmacisti alle donne seppure 'over 18', nel caso in cui non si presenti la prescrizione medica.

"Al momento - afferma - non prevediamo di richiedere alle autorità di esaminare una richiesta di abolizione dell'obbligo di ricetta medica per le minorenni. Ma in tutta Europa questo obbligo non c'è. L'auspicio è che lo potremmo fare quando avremo raccolto esperienze e dati significativi nello specifico contesto italiano, che dimostrino come non ci sia un abuso di questo medicinale fra le ragazze. Anzi, io credo che in molti casi avvenga la reazione contraria: essendosi trovate in una situazione come quella in cui si deve ricorrere alla contraccezione d'emergenza, credo le donne facciano di tutto per non dover rivivere quei momenti. Scegliendo, ad esempio, una contraccezione regolare. E i dati dicono già oggi che la contraccezione d'emergenza in Italia è sottoutilizzata rispetto al resto d'Europa".

4 febbraio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us