Salute

Expo: il medico, si può imparare molto da culture alimentari e mediche lontane

Monteleone (Tor Vergata), è il caso dei germogli di soia presenti sulle tavole cinesi da secoli

Roma, 5 mag. (AdnKronos Salute) - L'Expo di Milano per carpire i segreti di culture alimentari lontane dalla nostra, ma ricche di storia e tradizioni 'mediche' millenarie. "Possiamo imparare molto dalle tante culture alimentari presenti all'Expo, ci sono prodotti che ancora oggi in Italia sono consumati poco ma rappresentano una importante sorgente di energia. Basti pensare alla Cina e all'uso della soia, soprattutto dei germogli di soia. Ottime proteine vegetali che possono sostituire quelle animali". Lo spiega all'Adnkronos Salute Giovanni Monteleone, docente di gastroenterologia dell'Università Tor Vergata di Roma, ospite della trasmissione 'Interview-l'esperto risponde' in onda sul canale Sky 440 'Doctor's Life', edito dall'Adnkronos Salute.

Monteleone ha coordinato un gruppo di ricercatori che hanno sviluppato una nuova molecola sperimentale, denominata Mongersen. Un farmaco che, secondo i risultati di uno studio di fase II, sembra essere promettente contro il morbo di Crohn. Una patologia altamente invalidante che, fino a oggi, poteva essere gestita solo attraverso il controllo dei sintomi.

"I cinesi per secoli hanno consumato la soia - ricorda Monteleone - come elemento essenziale della loro alimentazione. I legumi contengono vitamine e acqua che sono essenziali per modulare molte delle funzioni dell'intestino. Ma noi italiani - osserva il gastroenterologo - dovremmo prendere spunto dall'Expo per imparare a conoscere una varietà di prodotti, soprattutto frutta e verdura, che arrivano dai Paesi del Sud del mondo e che sono altrettanto fondamentali per mantenere un organismo in salute".

5 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us