Expo: appello vegan globale a Ban Ki-moon

9 milioni di persone chiedono di 'Nutrire il pianeta senza uccidere'

vegan_speciale_pro
| ADN Kronos

Roma, 18 mag. (AdnKronos Salute) - Un appello vegan globale diretto al segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon, perché sostenga la decisione di abbandonare le proteine animali a favore di frutta, proteine vegetali, cereali e verdure. Ad aderire alla campagna #stopfameciboverde, lanciata dall'Agenda del Pianeta Terra su Megashouts.org, sono fino ad oggi 9 milioni di persone che hanno sposato il tema dell'iniziativa "Nutrire il pianeta senza uccidere", sulla falsariga dell'argomento al centro dell'Expo di Milano.

 

Le adesioni arrivano da tutto il mondo: Gran Bretagna e Messico, Sudafrica e Stati Uniti, Kurdistan e Germania, Francia e Venezuela, Russia e Australia, Israele e Argentina, India e Colombia, Cina e Spagna, Cile e Brasile, Giappone e Canada. Associazioni, gruppi e singoli cittadini, anche noti: tra le adesioni italiane 'vip' quelle del rapper italiano Clementino Iena, del giornalista e scrittore Fabrizio Rondolino, di Mara Maionchi e Gianluca Impastato.

 

"La proposta di iniziare un tipo di alimentazione che senza sprechi di acqua, energia, cereali, senza sofferenze e massacri di animali, senza inquinamento del Pianeta, possa eliminare la fame e la malnutrizione nei paesi più disagiati, creando più giustizia tra i popoli, è accolta con soddisfazione e non sarà un grande sforzo per le multinazionali invertire le produzioni né per i lavoratori impegnarsi in lavori meno pesanti e più umani£, dichiarano Laura Girardello e Giovanni Peroncini, amministratori di Agenda del Pianeta Terra e promotori della campagna.

 

18 maggio 2015 | ADNKronos