Salute

Come evolverà il virus della covid? 4 possibili scenari

Uno studio sulla possibile evoluzione del virus della covid delinea quattro possibili scenari futuri: uno è rassicurante, ma poco probabile nel breve periodo.

L'insorgere di nuove varianti modifica il modo in cui un virus si diffonde, rendendolo per esempio più contagioso, come abbiamo visto con la variante Delta del SARS-COV-2. Secondo gli esperti sono proprio le varianti del coronavirus della covid ad essere le grandi sorvegliate speciali del momento, poiché l'arrivo di una variante molto resistente ai vaccini è una "possibilità reale".

Uno studio presentato dal Gruppo scientifico di consulenza per le emergenze britannico (Scientific Advisory Group for Emergencies, SAGE) mette in guardia sulle mutazioni del virus e delinea quattro possibili scenari futuri: uno è auspicabile, ma poco probabile a breve termine; gli altri sembrerebbero scongiurabili, ma pur sempre possibili.

Quattro scenari. Il primo scenario è quello che vede l'insorgere di una nuova variante incredibilmente letale, che uccide tra il 10% e il 35% dei contagiati, raggiungendo dunque i livelli della MERS (che uccideva un infetto su tre), ma, a differenza di questa, capace di combinare l'alta letalità con l'elevata contagiosità che ha già dimostrato di avere la covid.

Per il secondo scenario gli autori ipotizzano la nascita di una variante capace di eludere l'immunità vaccinale (come sembra essere il caso della Epsilon, identificata per la prima volta in California), facendoci di fatto tornare indietro di un anno nella storia della pandemia, a quando nessuno era vaccinato.

Una terza ipotesi vede lo sviluppo di una variante resistente ai farmaci antivirali - che per questo gli autori dello studio consigliano di somministrare con attenzione, proprio per cercare di contenere lo sviluppo di farmaco-resistenze; infine, il quarto scenario, l'unico positivo per noi, vede il virus diventare meno infettivo e più simile a uno dei quattro coronavirus con cui conviviamo da anni, come quello del raffreddore.

Al momento in cui scriviamo sono note decine di varianti del coronavirus della covid, la maggior parte delle quali identificate nel 2021. Il documento SARS-CoV-2 variant nomenclature (PDF) dell'OMS è una guida alla nomenclatura delle varianti del virus, delle quali elenca anche data e Paese di apparizione; l'ultima variante citata nel documento è la Kappa (India, aprile 2021): un elenco più aggiornato, fino alla Lambda (Perù, giugno 2021) e alle varianti non ancora denominate è disponibile sulle pagine dell'OMS.
Al momento in cui scriviamo sono note decine di varianti del coronavirus della covid, la maggior parte delle quali identificate nel 2021. Il documento SARS-CoV-2 variant nomenclature (PDF) dell'OMS è una guida alla nomenclatura delle varianti del virus, delle quali elenca anche data e Paese di apparizione; l'ultima variante citata nel documento è la Kappa (India, aprile 2021): un elenco più aggiornato, fino alla Lambda (Perù, giugno 2021) e alle varianti non ancora denominate è disponibile sulle pagine dell'OMS. © OMS

Probabilità. Il report sottolinea la possibilità che alcuni tratti di due varianti aggressive (citando come esempio la alpha, "inglese", e la beta, "sudafricana") si combinino tra loro per dare vita a una terza variante più infettiva e anche più letale. La probabilità che questo accada è alta, perlomeno finché il virus continua a circolare e a trovare "formule di successo" per adattarsi meglio all'ospite (noi).

Secondo Marc Baguelin (Imperial College London) «è improbabile che un nuovo virus riesca ad aggirare totalmente qualunque tipo di immunità, data dal superamento della malattia o dal vaccino». Secondo l'esperto, un minimo di immunità dovrebbe rimanere, almeno contro le forme più gravi della malattia: «è probabile tuttavia che dovremo aggiornare i vaccini attuali, includendo le varianti emergenti».

Bisogna attendere. Il quarto scenario, il più rassicurante, è definito dal SAGE "improbabile nel breve periodo, ma realisticamente possibile a lungo termine". Se il virus muterà in una forma meno letale e contagiosa, ci vorranno diversi anni, o addirittura decenni, affinché questo accada: per i prossimi mesi meglio dunque puntare tutto su vaccinare in massa quanti più cittadini possibili, e continuare la ricerca per adattare i vaccini in base alle nuove varianti che, lo stiamo vedendo, continuano a sorgere.

23 agosto 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di coriosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us