Salute

Eutanasia: video appello a parlamento per legalizzazione, "serve parlarne"

Ass. Coscioni, le abbiamo provate tutte ma palazzo sordo, anche cittadini potranno inviare messaggio

Roma, 10 dic. (AdnKronos Salute) - Un appello corale ai parlamentari perché discutano di eutanasia, prendendo in considerazione la proposta di iniziativa popolare, firmata da 67mila cittadini e depositata a settembre 2013 alla Camera. In 200 secondi 70 persone, tra personaggi pubblici, malati, medici e infermieri, si alternano per chiedere ai politici di avviare finalemente la discussione sul tema, in un videoappello presentato, oggi a Roma, dall'Associazione Luca Coscioni, che anima da tempo la campagna per l'eutanasia legale e il pieno riconoscimento del testamento biologico.

"Oggi è la Giornata dedicata ai diritti umani e presentiamo una nuova tappa della nostra campagna, perché la libertà di scelta è un diritto dell'uomo: non c'è differenza tra chi chiede cure e chi quelle cure non le vuole più", spiega Filomena Gallo segretario dell'Associazione. "Le abbiamo provate tutte - ha ricordato Marco Cappato - tesoriere dell'Associazione - ma il Parlamento fino ad ora è rimasto sordo. Negli 8 anni trascorsi dalla morte di Pietro Welby è stata sprecata ogni occasione per discutere una legge sul fine vita. Nessuno dei gruppi parlamentari da quando è stata depositata la nostra proposta d di iniziativa popolare, nel settembre 2013, è riuscito a mettere all'ordine del giorno il tema. Non c'è stata nemmeno un'audizione".

Da qui il video-appello con la voce di persone, note e meno note: da Corrado Augias a Luca Barbarossa, da Vittorio Feltri a Roberto Saviano. "Si tratta di riconoscere un diritto umano. Il diritto di morire", dice Umberto Veronesi nel messaggio. "Potrebbe essere semplice" aggiunge Marco Pannella. "Ed è semplice. Basta cominciare a discuterne", conclude Michelangelo Tagliaferri. Voci a cui si aggiungeranno, spiegano dall'Associazione Coscioni, quelle di tutti i cittadini che vorranno inviare un videomessaggio ai parlamentari per invitarli ad affrontare il tema attraverso la campagna #LiberiFinoAllaFine. Con uno smartphone, un tablet o una webcam, si può registrare un breve video che cominci con la frase "Onorevoli parlamentari" e che può essere tweettato con l'hashtag della campagna o inviato via mail a coordinamento@eutanasialegale.it.

La battaglia dell'Associazione per l'eutanasia legale "non è cominciata oggi" sottolinea Filomena Gallo, ricordando il percorso fatto con Piero Welby, che decise di rendere pubblica la decisione di staccare la spina con l'aiuto del medico Mario Riccio. "Oggi ci sono oltre 120 con registri per il testamento biologico. Circa 10 mila italiani ne hanno sottoscritto uno soprattutto on line, sul nostro sito" .

"E' la prima volta che un così ampio numero di malati, personalità, medici ed infermieri si uniscono per dare volto e voce ad una grande questione sociale", ha sottolineato Cappato che considera di fondamentale importanza l'impegno dei politici a discutere della questione ma anche quello delle reti della tv pubblica a favorire un dibattito sociale.

"La gente - ha concluso Marco Pannella - è d'accordo con la nostra battaglia. Ma il mostro del proibizionismo, ovviamente non lo è. Stiamo lottando perché la legalità coincida con le convinzioni più profonde della specie umana che è il diritto a scegliere".

10 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us