Salute

Eutanasia: suicidio assistito in Svizzera per 50 italiani in 3 anni

Exit Italia, il 7 novembre accordo con struttura nel Canton Ticino dove si parla la nostra lingua

Roma, 3 nov. (AdnKronos Salute) - Sono stati "50 negli ultimi 3 anni" gli italiani che hanno scelto, come la 29enne americana Brittany Maynard, una 'dolce morte' per interrompere sofferenze fisiche e psichiche dovute a una malattia incurabile. A tracciare il bilancio Emilio Coveri, presidente di Exit Italia, associazione che si occupa di aiutare chi vuole ricorrere al suicidio assistito, anche se cittadino di Paesi dove questo non è consentito. La 'mecca' in questo caso è la Svizzera, dove Exit ha accordi con 3 strutture (Life Circle-Eternal Spirit di Basilea, Ex-International di Berna e Dignitas di Zurigo) e il 7 novembre attiverà una quarta collaborazione con la prima struttura (Liberty Life) nel Canton Ticino, più vicino al nostro Paese e dove il personale parla italiano.

I 50 connazionali, dice Coveri all'Adnkronos Salute, "hanno fatto richiesta e ottenuto il suicidio assistito. In attesa ci sono poi altre 27 persone, di cui 11 giovani sotto i 30 anni, affetti da malattie psichiche molto gravi certificate da medici psichiatri, da Sclerosi laterale amiotrofica (Sla) o da tumori. La crescita dei nostri iscritti è andata aumentando esponenzialmente in questi ultimi anni e siamo contenti di dare speranza a chi, comunque, sceglie di andare a morire 'in esilio'". E, spesso, anche in solitudine, "visto che sono ammessi accompagnatori, ma c'è il rischio che vengano perseguiti per istigazione o aiuto al suicidio. Per questo, da tempo chiediamo che gli artt. 579 e 580 del codice penale dovrebbero essere 'sospesi' per queste persone".

"Come Exit - aggiunge Coveri - lottiamo perché si possa arrivare a vedere garantito un diritto che riteniamo rientri nel rispetto della dignità umana: quello di poter scegliere la fine della propria esistenza, che tutti noi vorremmo fosse senza inutili sofferenze". Anche se in Italia la 'dolce morte' non è consentita, "noi abbiamo una 'via d'uscita', un'escamotage che si chiama Svizzera: attraverso di noi si può fare richiesta quando una persona, avendo una patologia grave, irreversibile, clinicamente accertata e senza possibilità di guarigione ha deciso, non avendo più nulla da chiedere dalla vita, la morte volontaria assistita. La richiesta viene corredata da cartelle cliniche e dal testamento biologico, e una commissione medica valuta questo materiale".

"Viene poi dato l'ok per l'ammissione alla pratica - prosegue il presidente Exit Italia - e a questo punto il paziente stabilisce la data desiderata. Si parte due giorni prima, ci si sottopone a una nuova visita approfondita. Ed è bene notare che il medico è tenuto a cercare di far desistere fino alla fine il paziente, che può decidere di tornare indietro in qualsiasi momento, o anche di decidere una nuova data", come accade al 40% dei richiedenti e come sembrava aver fatto anche la giovane Brittany, "che si è recata in Oregon, a Portland, dove la Hamlock Society risponde alle richieste di suicidio assistito di tutto il Nord America".

3 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us