Salute

Eutanasia: Exit, la chiedono 70 italiani a settimana, politica latita

In un mese e mezzo di attività 5 italiani sono andati a morire nel nuovo centro in Canton Ticino

Roma, 21 apr. (AdnKronos Salute) - Sono "70 a settimana i cittadini italiani che chiamano l'associazione Exit Italia per chiedere di avere accesso all'eutanasia all'estero. E 5 italiani in un solo mese e mezzo di attività hanno ottenuto la 'dolce morte' nel nostro nuovo centro in Canton Ticino, a pochi chilometri da Milano". A dirlo all'Adnkronos Salute Emilio Coveri, presidente di Exit Italia, associazione di cui è sostenitore anche il make-up artist Diego Dalla Palma, che ha annunciato di avere preparato il suo fine vita.

"Ci sono personaggi famosi che ci sostengono - assicura Coveri - Dalla Palma l'ho incontrato personalmente e presto andrò a trovarlo. Per noi è un importante testimonial, gli sono riconoscente per aver fatto conoscere la sua storia. Ma bisogna sempre aspettare che ci sia qualcuno di importante per ricordare che 70 persone alla settimana ci chiedono di morire dignitosamente? E la politica cosa fa?", si chiede il presidente Exit.

"La raccolta di firme per la proposta di iniziativa popolare che abbiamo portato avanti con l'associazione Luca Coscioni - aggiunge - è stata completamente disattesa dalla politica italiana. Questo è un Paese che ci obbliga ad andare a morire in esilio, per poter avere una fine dignitosa. Negli ultimi due anni il trend dei nostri iscritti è in costante crescita: da gennaio a marzo ne abbiamo in media 1,4 in più ogni giorno. Ma non è un segno positivo, se non per chi si rivolge a Exit Italia, che trova una soluzione alla sua sofferenza. Nessun altro può dare una fine dignitosa tranne noi, una cosa di cui siamo orgogliosi. In queste ore si parla tantissimi dei poveri migranti morti in mare, ma i nostri cittadini che stanno male dove li mettiamo?".

21 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us