Salute

La tripla strategia delle zanzare per pungerci

Come funziona il loro sistema che permette di individuare il bersaglio a grande distanza (e di non sbagliare).

Roma, 20 lug. (AdnKronos Salute) - Pomate, spray chimici, candele alla citronella o piante che promettono di tenerle lontane, ma loro ogni sera tornano a pungerci per gustare il nostro sangue. E' impossibile sfuggire alle zanzare. A certificare la sconfitta dell'uomo rispetto all'insetto più fastidioso dell'estate è uno studio del California Institute of Technology pubblicato su 'Current Biology'. Il segreto di tanta efficienza nel cercare le loro prede risiede nella triplice azione messa in campo dalla zanzare grazie a segnali di natura visiva, olfattiva e termica. Per scovare quest'arma gli scienziati si sono servivi di un tunnel del vento, di un telecamera e di un software in 3D. Un gruppo di zanzare femmina in cerca di cibo sono state fatte entrare nel tunnel ed è stato tracciato il loro comportamento.

Ebbene, secondo lo studio questi insetti sono attratti in primis dall'anidride carbonica prodotta dal respiro, che annusano fino ad una distanza di 50 metri. Dopo questo primo segnale che le mette nella scia nella preda, attivano la 'vista' ovvero rilevano la presenza dell'uomo ad una distanza tra i 5 e i 15 metri. Infine riescono a sentire il calore del corpo a meno di un metro. A quel punto sono pronte a colpire senza lasciare scampo. Difficile quindi sfuggire alle zanzare, anche potendo silenziare uno di questi segnali: ad esempio, cercando di non respirare per un certo periodo di tempo, loro saprebbero comunque come rintracciarci grazie agli altri due 'sensori'. L'unica soluzione è rassegnarsi e munirsi di pomate lenitive.

20 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us