Salute

Estate: anno record per colpo di calore 'killer'

Con caldo africano prolungato aumentati del 20% gli interventi medici, soprattutto per casi gravi

Roma, 6 ago. (AdnKronos Salute) - Estate record per i colpi di calore 'maligni', ovvero quei casi in cui le conseguenze sono gravi con ricovero in ospedale. E persino coma e decesso. Lo spiega all'Adnkronos Salute Adelina Ricciardelli, presidente nazionale Federazione italiana medicina di emergenza-urgenza e delle catastrofi (Fimeuc).

Le temperature tropicali prolungate, sottolinea l'esperta, hanno ovviamente influito sul numero di casi, nonostante gli appelli a bere e a limitare l'esposizione al calore. "Ciò che abbiamo notato nel lavoro sul territorio - aggiunge Ricciardelli - è un aumento di colpi di calore anche tra le persone sane giovani o comunque non anziane". Ovviamente nei pronto soccorso gli over 65 con problemi legati al caldo sono stati la maggioranza "perché si scompensano più facilmente in queste situazioni climatiche". Ma sul territorio "abbiamo fatto diversi interventi sui luoghi di lavoro. A Ferrara, dove opero, c'è stato un decesso e abbiamo un paziente in coma".

Una situazione rara negli anni precedenti, legata al colpo di calore maligno. "In questi casi c'è un eccesso di perdita di sostanze e un aumento della permeabilità dei vasi. Ciò comporta un passaggio di liquidi dai vasi sanguigni alle strutture esterne. E ciò accade anche nel cervello, dove può crearsi edema, con il rischio di coma". Per evitarlo non basta bere, bisogna non esporsi a lungo al calore. Ma quando il danno è già fatto c'è la necessità di ricovero per gli interventi medici di idratazione, integrazione degli elettroliti e sostegno del circolo sanguigno. "Il colpo di calore, facendo saltare il sistema di termoregolazione dell'organismo - garante del nostro benessere - crea gravi conseguenze, con danni agli organi anche in persone sane", conclude Ricciardelli.

6 agosto 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us