Salute

Epidemiologi, -2.000 morti l'anno per tumori dimezzando consumo carne

Ripercussioni anche su emissioni gas serra, che verrebbero ridotte del 50%

Roma, 30 ott. (AdnKronos Salute) - Oltre 2.000 decessi in meno l'anno e un abbattimento del 50% delle emissioni di gas serra se si riducesse del 50-70% il consumo di carne in Italia. E' quanto si potrebbe ottenere secondo gli epidemiologi riuniti in questi giorni a congresso a Milano. L'Aie, Associazione italiana di epidemiologia, nel suo 39.esimo Congresso nazionale discute di alimentazione e salute e non può non pronunciarsi sulla recente presa di posizione della Iarc sul consumo di carne rossa e lavorata.

Il 70% degli italiani adulti consuma carne bovina, in media 400 grammi/settimana per gli uomini e 360 grammi/settimana per le donne (dati Inran-Istat). E' osservabile anche un'eterogeneità geografica dei consumi con un evidente trend Nord Sud (i consumi più alti sono quelli degli uomini delle regioni del Nord Ovest, i più bassi quelli delle donne del Sud). Le linee guida internazionali per una sana alimentazione raccomandano un consumo di 100-200 grammi/settimana di carne rossa ed un consumo di carne lavorata non superariore a 50 gr/settimana.

Nella prima sessione del convegno, dedicata ai legami tra alimentazione e ambiente, sono stati presentati i risultati del primo studio italiano che stima l'effetto di scenari di riduzione del consumo di carne bovina e di carne lavorata in Italia sulla salute (in particolare mortalità per tumore del colon retto e per cause ischemiche).

Lo studio intitolato 'Riduzione del consumo di carne e delle emissioni di gas serra e benefici per la salute in Italia' è coordinato da Paola Michelozzi del dipartimento di Epidemiologia della Regione Lazio ed è pubblicato sul numero speciale di 'Epidemiologia & Prevenzione'.

Ipotizzando una riduzione dei consumi compresa tra il 50% e il 70%, soprattutto fra la popolazione del Nord Ovest e gli uomini in generale, la percentuale di casi prevenibili varia dal 2,1% al 6,5% per il tumore del colon retto e da 1,6% al 5,6% per l'infarto. La riduzione della mortalità potrebbe essere pari a circa 2.000 decessi per anno, rileva lo studio.

"Gli scenari di riduzione sono in linea con le raccomandazioni nazionali e internazionali - commenta Michelozzi - e considerando l'associazione evidenziata tra consumi di carne e aumento di rischio anche per altre patologie (in particolare per le cause ischemiche) il guadagno di salute stimato potrebbe essere molto maggiore".

Ma una diminuzione del consumo di carne porterebbe anche a una mitigazione dei cambiamenti climatici (riduzione delle emissione di gas serra prodotte dall’allevamento di bestiame). Diversi studi condotti dall'inizio degli anni 2000 hanno evidenziato una forte correlazione tra dieta individuale, sistemi di produzione alimentare, ed impatto sull’ambiente in termini di emissioni di gas serra (Green House Gases - Ghg).

E' stato stimato che i Ghg prodotti dal settore agricolo contribuiscono per circa il 20% delle emissioni totali e di queste circa l'80% sarebbe attribuibile alla produzione di carne.

Latte e carne sono quindi tra gli alimenti meno ecologici, con il peggiore impatto sull'ambiente: il settore dell'allevamento di bestiame è una delle principali cause di deforestazione, di desertificazione, richiede elevato consumo di acqua e comporta un inefficiente utilizzo dell'energia. Gli scenari di riduzione dei consumi di carne per avvicinare la dieta degli italiani a quella raccomandata avrebbero un importante impatto anche in termini di riduzione delle emissioni di Ghg (da 10.000 Gg a circa 3000 Gg anno) con importanti effetti in termini di mitigazione dei cambiamenti climatici.

30 ottobre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us