Salute

Quanto sarà grave l'influenza?

Il nuovo metodo per fare previsioni più affidabili sull'andamento della prossima stagione influenzale tenendo conto anche di quanto il virus è mutato rispetto agli anni passati.

Ogni anno le agenzie sanitarie monitorano l’andamento dell’influenza per capire quali ceppi di virus circolano di più, se la stagione sarà più o meno grave, e per mettere a punto i vaccini che saranno usati l’anno successivo. Queste previsioni sono però abbastanza imprecise, e soprattutto possono essere fatte solo a ridosso dello scoppio dell’epidemia di influenza.

Ricercatori dell’Università di Chicago hanno messo a punto un metodo che dovrebbe consentire previsioni più accurate su come andrà l’influenza, se colpirà tante o poche persone e se sarà più o meno grave, e anche con maggiore anticipo, lasciando così più tempo per eventuali raccomandazioni di sanità pubblica.

Virus in aggiornamento. Ogni anno, sono quattro i ceppi di influenza che circolano nella popolazione umana: i virus H3N2, H1N1, e due varianti del ceppo B. Questi virus si diffondono facendoci ammalare per un fenomeno ben noto ai biologi: cambiano la loro costituzione genetica così che il nostro sistema immunitario non riesce a intercettarli, ma non tanto da trasformarsi in una versione completamente nuova.

virus, influenza, raffreddore
Curiosità: 20 bugie sulla salute che molti credono vere. © Tina Franklin, Flickr

Quando il virus in circolazione è molto diverso da quello degli anni precedenti, più persone si ammalano perché non sono ancora state esposte a quella particolare variazione. Ogni due o tre anni ci si aspetta un cambiamento più importante, che provoca una stagione più seria per numero di ammalati, ma di cui i modelli non tengono conto.

Previsioni difficili. I sistemi attuali per le previsioni si limitano, una volta che la stagione influenzale è all’inizio, a monitorare la diffusione del virus, per capire quanto rapidamente si diffonde, e a fare calcoli per stimare il numero delle persone che si ammalerà. Come si è visto in passato, però, queste valutazioni non sempre sono attendibili. Spesso è capitato che un’influenza che sembrava all’inizio modesta abbia fatto ammalare molte persone, e viceversa.

Indice di cambiamento. I ricercatori dell’Università di Chicago hanno sviluppato un modello che, a differenza di quelli tradizionali, include informazioni sui cambiamenti di tipo genetico che il virus ha subito rispetto agli anni precedenti. In sostanza, come descrivono nello studio pubblicato su Science Translational Medicine, gli scienziati hanno analizzato le sequenze geniche di uno dei virus in circolazione, l’H3N2, dagli anni passati. Poi le hanno confrontate con campioni del virus attuali quando le nuove mutazioni iniziano a circolare, in primavera e in estate, prima dell’inizio della stagione dell’influenza.

virus, influenza, raffreddore
Curiosità: la scienza del raffreddore. © James Gathany

In questo modo hanno ricavato un “indice” dell’evoluzione del virus rispetto agli anni precedenti.

«Si potrebbe usare il nostro modello per fare una previsione precoce sulla gravità della stagione nel complesso, e poi usare gli altri modelli per prevedere la tempistica dell’epidemia una volta che è scoppiata», ha spiegato Mercedes Pascual, professore di ecologia ed evoluzione all’Università di Chicago, uno degli autori dello studio.

Influenze passate. Usando i dati storici delle stagioni di influenza negli Stati Uniti tra il 2002 e il 2016 come test, i ricercatori hanno verificato che il modello è stato in grado di predire correttamente l’andamento della stagione. Anche per quella passata, le previsioni fatte prima che l’ondata di influenza avesse inizio sono state rispettate: è stata, come "predetto" dal modello, un’annata piuttosto pesante. In Italia, secondo i dati dell’Istituto superiore di sanità, ha colpito in modo particolarmente aggressivo gli anziani, provocando circa il 15% in più delle morti rispetto alle previsioni.

E quella di quest’anno? Le previsioni con gli strumenti tradizionali per la stagione 2017-2018 sono per un’influenza di intensità media, con almeno 5 milioni di casi in Italia. Quelle fatte con il nuovo modello sono abbastanza concordi: le mutazioni del virus già osservate sono significative, in grado di provocare una stagione sopra la media per numero di ammalati, tuttavia meno grave di quella dello scorso anno.

28 ottobre 2017 Chiara Palmerini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us