Salute

Embrioni umani di nuovo modificati con la CRISPR

È il secondo studio di questo tipo ad essere pubblicato, un'altra volta in Cina. Il team ha provato a introdurre nel DNA dei campioni una mutazione genetica per la resistenza al virus dell'HIV. Con risultati così parziali da sollevare domande non solo sull'etica, ma anche sull'utilità dell'esperimento.

Per la seconda volta nell'arco di un anno un team cinese ha pubblicato i risultati di uno studio sul tentativo di modificare geneticamente embrioni umani, in questo caso per renderli resistenti al virus dell'HIV.

Il gruppo di ricerca, della Guangzhou Medical University, è diverso da quello coinvolto nel primo, controverso esperimento che tanto aveva fatto discutere nell'aprile del 2015.

Tuttavia, sia le modalità sia i parziali risultati raggiunti riaccendono il dibattito, non solo sui limiti etici, ma anche sulla reale utilità di simili studi. Si dice che ce ne siano altri tre in fase di pubblicazione, sempre cinesi; e un'altra ricerca che sfrutta questa tecnica per indagare le cause di aborti spontanei è stata approvata in Gran Bretagna.

Quali embrioni. Il team ha utilizzato la tecnica di editing del genoma CRISPR-Cas9 per modificare embrioni non utilizzabili per la fecondazione in vitro, perché dotati di un set extra di cromosomi. Se da un lato ciò ha garantito che gli embrioni modificati non potessero in alcun modo svilupparsi in una gravidanza, dall'altro rende poco chiaro sin da subito se i risultati ottenuti possano riferirsi anche ad embrioni sani.

Tanto rumore per nulla (o quasi). Il piano iniziale era di utilizzare le "forbici molecolari" della CRISPR per modificare il gene immunitario CCR5, una mutazione del quale rende alcuni esseri umani naturalmente immuni al virus dell'HIV, perché altera un recettore che normalmente permette al virus di farsi largo nei linfociti T.

Non ha funzionato granché bene: le istruzioni per la modifica del gene sono state "inserite" in 45 embrioni; tra questi, solo 26 si sono sviluppati fino allo stadio di 8 cellule o più (morula), e di questi soltanto 4 hanno presentato la mutazione desiderata.

Coperti a metà. Quei 4 avevano comunque soltanto una copia del gene modificata: probabilmente non abbastanza per garantire la resistenza al virus, che si verifica quando entrambe le copie del gene presentano la variazione. Se, ipoteticamente, questi embrioni si fossero sviluppati, non tutte le cellule avrebbero avuto la mutazione desiderata. Si sarebbe verificato il problema del mosaicismo: alcuni organi, cioè, sarebbero rimasti vulnerabili al virus, lasciando l'individuo in questione comunque attaccabile dall'HIV.

Nessuna garanzia. Un altro problema legato all'utilità di studi come questo - che altri scienziati hanno duramente definito "soltanto un modo per giocare con gli embrioni" - è l'alta percentuale di fallimenti: 4 successi parziali su 45 embrioni modificati. Considerando che le coppie che si rivolgono a centri per la fecondazione in vitro ottengono in genere da uno a 3 embrioni, la tecnica sarebbe comunque troppo rischiosa per le scarse possibilità di successo che offre.

I dubbi etici. E questo, se proprio si vuole tralasciare la questione dell'eugenetica, che poi è la principale, ossia la possibilità di crearsi embrioni su misura, con conseguenze non prevedibili nel caso questi dovessero uscire dai laboratori.

12 aprile 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us